Il 29 marzo sono state piazzate delle cariche esplosive sul fiume Irtyš, in Kazakistan, con l’intento di rompere lo spesso strato di ghiaccio che lo ricopriva. Qualcosa deve essere andato storto perché lo spostamento d’aria generato dalle potenti cariche hanno fatto saltare i vetri dei palazzi che si affacciano sul fiume

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele annulla piano per deportare migranti illegali. Accordo con Onu: oltre 16mila estradati verso Occidente

next
Articolo Successivo

Usa, l’insolita Pasquetta di New York: la Grande Mela si sveglia sotto oltre 10 centimetri di neve – FOTOGALLERY

next