“Vittoria elettorale di Lega e M5s? Ho 77 anni e spero di non finire in un campo di concentramento. Ho tre opzioni: clandestinità, fuga all’estero, eutanasia”. Così a L’Aria che Tira (La7) l’ex deputato del Pdl, Giuliano Cazzola, esprime ironicamente il suo pessimo giudizio su Lega e M5S. Gli replica con una battuta Paolo Becchi, professore ordinario di Filosofia del Diritto: “Anche un suicidio assistito”. Alessandro Giuli, giornalista di Libero e Il Tempo, ribatte a Cazzola: “Dia retta a me, qui l’unico problema è la calata delle truppe della Merkel. Per il resto vedo più mitezza che altro”. Ma l’ex parlamentare ribadisce: “Io penso di finire la mia vita in un campo di concentramento. Ho un giudizio molto chiaro e preciso su chi ha vinto le elezioni. Non voglio prendermi querele. Ma cito Hanna Arendt, che diceva che la plebe è la caricatura del popolo. Vi invito, quindi, a non confondere la plebe con il popolo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Landini vs Cazzola: “Chi ha fatto legge Fornero e Jobs act non esiste quasi più”. “Lei vuole il Paese col culo scoperto”

next