L’Antitrust ha stabilito la “sospensione cautelare” dei rincari delle bollette telefoniche decisi dagli operatori dopo l’introduzione dell’obbligo della fatturazione mensile, al posto che ogni 28 giorni.  Una decisione che arriva dopo l’istruttoria avviata a febbraio per verificare l’esistenza di un’intesa fra Tim, Vodafone, Fastweb e Wind Tre, con la quale, tramite Asstel, coordinare la propria strategia commerciale portando a rialzi di importo simile. Per questo, il Garante ha intimato agli operatori di “definire la propria offerta in modo autonomo”.

L’Autorità, dunque, “ha ritenuto che la documentazione acquisita durante le ispezioni confermi prima facie l’ipotesi istruttoria secondo cui le parti avrebbero comunicato, quasi contestualmente, ai propri clienti che la fatturazione delle offerte e dei servizi sarebbe stata effettuata su base mensile anziché su quattro settimane, prevedendo, al contempo, una variazione in aumento del canone mensile per distribuire la spesa annuale complessiva su 12 mesi, invece che 13″. Pertanto, prosegue la nota, “al fine di evitare il prodursi, nelle more della conclusione del procedimento, di un danno grave e irreparabile per la concorrenza e, in ultima istanza, per i consumatori, l’Autorità ha adottato misure cautelari urgenti intimando agli operatori di sospendere l’attuazione dell’intesa oggetto di indagine e di definire la propria offerta di servizi in modo autonomo rispetto ai propri concorrenti”.

Nel gennaio scorso, i consumatori avevano denunciato gli aumenti generalizzati fra gli operatori dell’ordine dell’8,6%, verificatosi dopo lo stop alla fatturazione a 28 giorni. Per questo la decisione è stata accolta con favore dal Codacons: “Ottimo! Vittoria dei consumatori!” ha detto Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Avevamo segnalato la strategia commerciale coordinata e concertata delle compagnie telefoniche per far credere che gli aumenti dell’8,6% non ci fossero e che le modifiche contrattuali dipendessero solo dalla legge, determinando così l’effetto di limitare l’esercizio del diritto di recesso. Ovvio, infatti, che è inutile recedere se tutti fanno la stessa cosa e tutto è dovuto alla legge 172/2017. Peccato che non sia così! Ora speriamo che il procedimento si chiuda con una condanna“, conclude.

A prendere le distanze dal provvedimento dell’Antitrust è invece Fastweb, che in una nota ha fatto sapere “di aver sempre agito correttamente e di aver costantemente perseguito politiche commerciali indipendenti rispetto a quelle dei propri concorrenti”. La compagnia sottolinea anche come “la posizione dell’azienda sia sempre stata nettamente distinta da quella degli altri operatori sul mercato” e rispetto, invece, al ritorno alla fatturazione mensile, “si è attenuta rigorosamente alla tempistica dettata dalla normativa rilevante ed alle indicazioni fornite da Agcom in merito alle modalità di comunicazione”. “Soprattutto – conclude la nota – in concomitanza con il ritorno alla fatturazione mensile, ha avviato una serie di elementi migliorativi dell’offerta”.