È stata condannata alla sanzione della censura la pm di Trani, Simona Merra, per non essersi astenuta subito dall’indagine sullo scontro tra treni avvenuto tra Andria e Corato nel luglio 2016. Il sostitutore procuratore lasciò l’inchiesta sul disastro ferroviario che provocò la morte di 23 persone e il ferimento di altre 50 solo in seguito alle polemiche scoppiate dopo la pubblicazione di una foto che la ritraeva ad una festa estiva, mentre sorridente accettava un bacio simulato al piede dall’avvocato Leonardo De Cesare, difensore del capostazione Vito Piccarreta, indagato per l’incidente.

La Sezione disciplinare del Csm l’ha condannata proprio per per non essersi astenuta dall’inizio nonostante il rapporto di amicizia con il legale e per avere, con una dichiarazione alla stampa, liquidato come “pettegolezzi e chiacchiericcio da mercato” le riserve espresse dai parenti delle vittime dopo la pubblicazione di quella e altre foto, violando così il dovere di correttezza verso le parti processuali. La condanna – che ha accolto la richiesta della procura generale della Cassazione – riguarda anche la mancata astensione in altri procedimenti dove il difensore era l’avvocato De Cesare.

All’epoca, la pm spiegò che lo scatto risaliva “a luglio del 2013” e precisò di aver “avuto una conoscenza limitata” a quel periodo “con l’avvocato De Cesare”. Merra ricordò inoltre che erano a una festa e durante un gioco fatto alla presenza degli altri invitati lei era stata schizzata con acqua e l’avvocato le stava solo chiedendo scusa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma penitenziaria, perché non sarà una svuota-carceri. Con buona pace della Lega

next