“I farmaci non curano, tolgono semplicemente i sintomi, la medicina uccide, i medici sono degli assassini”. Mario Pianesi, imprenditore considerato un’autorità nel campo dell’alimentazione macrobiotica in Italia e guru 73enne di una psico-setta tra le Marche e l’Emilia Romagna, lo diceva ai suoi adepti. Con l’aiuto dei suoi collaboratori, secondo la Procura e i poliziotti della squadra mobile di Ancona, li aveva ridotti in schiavitù. Persone fragili o malate erano costrette a diete da fame con il miraggio della guarigione. A lavorare gratis, o quasi, e a donare soldi in continuazione. Una holding dell’alimentazione naturale e della sofferenza, secondo la magistratura. E’ il mondo segreto del guru Pianesi, pioniere del settore, inventore della dieta Ma.Pi. (dal suo nome), con contatti ad alto livello nel mondo scientifico ufficiale. Un sistema portato alla luce dalla polizia in un’inchiesta dai risvolti scioccanti.  Una ragazza, che non aveva problemi di peso, era arrivata addirittura a 35 chili dopo essersi sottoposta alle diete da fame imposte dalla setta che operava nel campo dell’alimentazione macrobiotica. Una bambina, invece, è diventata sorda per un’otite non curata: i genitori non usavano farmaci, come imposto da Pianesi. Lui controllava ogni loro contatto col mondo esterno, li costringeva a lavorare gratis e li manipolava con un regime alimentare rigidissimo fino a pretendere da loro diverse donazioni di denaro. Ora è indagato insieme alla moglie Loredana Volpi, 51 anni, e altri due suoi collaboratori: le accuse vanno dall’associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù ai maltrattamenti, dalle lesioni aggravate all’evasione fiscale per centinaia di migliaia di euro.

Il santone, proprietario di molti punti-vendita 73enne, spesso invitato a conferenze, nonostante le sue relazioni col mondo della medicina, considerava “i medici assassini, le medicine inutili e dannose“. E questo diceva anche agli adepti, secondo diverse testimonianze. Molti erano indotti ad abbandonare le cure tradizionali, nonostante gravi patologie, abbracciando l’alimentazione imposta. Dovevano lavorare sottopagati in decine di locali e punti vendita “macrobio” in Italia, del cui marchio in franchising Pianesi e i suoi avevano la gestione. Negli stessi luoghi venivano spesso agganciati dalla setta. I figli dei seguaci crescevano isolati dalla società, considerata negativa. Le regole erano ossessive. Non ci si poteva sposare senza l’assenso del guru.

Pianesi dominava il settore dell’alimentazione macrobiotica in Italia, secondo gli investigatori, proprio sfruttando “il lavoro degli adepti impiegati nei numerosi Centri riferibili all’associazione Un Punto Macrobiotico (Upm) sparsi sul territorio nazionale che, di fatto, organizzavano un circuito di ristorazione a costo zero”. Il guru della “psico-setta a scopo economico” aveva creato alcune società a lui riconducibili. Pianesi “pretendeva dagli ‘adepti’ donazioni in denaro, a suo dire, ad esempio alla realizzazione di una grande clinica dove praticare cure alternative alla medicina ufficiale: chi non riusciva a pagare subiva una sorta di processo di fronte al guru e ad altri adepti e doveva fare autocritica”. Gli adepti venivano costretti a lasciare la loro attività e a lavorare di fatto gratis per l’associazione di Pianesi quale ringraziamento per il messaggio salvifico ricevuto; di fatto si trattava di sfruttamento, costretti a lavorare per molte ore e, nella migliore delle ipotesi, sottopagati. L’esame dei conti bancari, spiegano gli investigatori, “ha confermato come le ingenti somme venissero, alla fine, convogliate sui conti personali e dei familiari dei principali indagati”.

L’inchiesta è partita all’inizio del 2013 grazie alla denuncia di una ragazza: ai poliziotti la giovane ha raccontato di aver creduto ai benefici miracolosi promessi da Pinaesi, secondo il quale la sua dieta sarebbe stata in grado di guarire malattie incurabili. La psico-setta è stata smantellata dalla polizia di Ancona al termine di una lunga e articolata attività d’indagine coordinata dalla procura distrettuale antimafia del capoluogo marchigiano. Le indagini della polizia hanno accertato che il rigido stile di vita imposto dal maestro, attraverso le cosiddette diete MA.PI, (dal nome del maestro) in numero di 5 (gradualmente sempre più ristrette e severe) e le lunghe conferenze da lui tenute, durante le quali si parlava per ore della forza salvifica della sua dottrina alimentare, erano volte a plasmare un asservimento totale delle vittime.