Durante la sua visita a Napoli Silvio Berlusconi si è fermato a parlare con alcuni cittadini esponendo loro i benefici della flat tax e dei tagli delle tasse proposti dalla coalizione di centrodestra. Rompendo così il silenzio elettorale. La legge 212 del 1956 infatti vieta, dal giorno prima del voto, i comizi e le “riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico”. Il leader di Forza Italia passeggiando a San Gregorio Armeno ha assicurato ai passanti che in caso di vittoria del centrodestra “pagheranno meno” e ha fatto anche qualche calcolo per dimostrarlo. Il sito della Stampa riporta anche che Berlusconi a un anziano ha detto: “Lei è pensionato? Ecco, avrà 1000 euro al mese. È scritto nella legge”. Che però è solo il programma della coalizione.

“Il silenzio elettorale designa la pausa della campagna elettorale che si effettua il giorno prima e il giorno stesso delle elezioni”, aveva postato su facebook nel pomeriggio il segretario regionale del Pd della Campania Assunta Tartaglione. Tartaglione, ricandidata alla Camera per il Pd, ha postato l’intero articolo di legge, che al comma 1 specifica “nel giorno precedente ed in quello stabilito per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda”.

La visita di Berlusconi a Napoli era stata criticata anche dal ministro Dario Franceschini che aveva affermato “dice che verrà in silenzio, ma che Berlusconi e il silenzio stiano insieme è impossibile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, 300 lavoratori dell’azienda di trasporto in permesso elettorale. “Ritardi o cancellazioni dei servizi”

prev
Articolo Successivo

Noia, tensione e insulti: fine di una campagna. Da Silvio show a Di Maio al Colle. Poi Salvini col Vangelo e Pd senza fiato

next