Salvini giura sul Vangelo? Io non avrei fatto così, anche se mi fa piacere che oggi la sinistra faccia tutta questa levata di scudi e torni a difendere i simboli del cristianesimo, quando ha avuto ministeri dei Beni Culturali che finanziavano mostre in cui era raffigurato nostro Signore Gesù Cristo immerso nell’urina”. Sono le parole della leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ospite di Otto e Mezzo (La7), sull’ultima svolta cattolica del suo alleato di coalizione, Matteo Salvini. Immediata la replica dell’attrice Monica Guerritore, in riferimento alla citazione di “Piss Chirst”, una fotografia realizzata da Andres Serrano: “E’ lo stesso caso di Caravaggio, che veniva criticato perché rappresentava la Madonna incinta”. “Tra quella fotografia e Caravaggio c’è un abisso che si chiama arte”, ribatte Meloni. “L’arte non è codificabile, è libera per natura”, ribadisce Guerritore. La discussione poi si sposta sul fascismo e sull’antifascismo. Meloni, che più volte ha bollato come “cretino” il dibattito, osserva: “Sono stata chiara da 20 anni a riguardo, ma non vi interessa. E non interessa alla sinistra, che ha bisogno dello spauracchio dell’antifascismo e del fascismo, altrimenti non sa di che cosa parlare in campagna elettorale. Mi pare folle che io debba fare tutta la mia campagna elettorale a parlare di qualcosa che è morto 70 anni fa”. Si scatena la polemica con Monica Guerritore a proposito della Costituzione. Poi Meloni si pronuncia sulle unioni civili: “Non credo che ci saranno i voti per abolire quella legge, ma a me interessa il tema dell’adozione gay, a cui sono contraria”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, come si vota e come funziona il Rosatellum. Le istruzioni per le politiche del 4 marzo, in 3 minuti

prev
Articolo Successivo

Elezioni, la campagna di Greenpeace per far parlare i politici di ambiente: “Ma questa è una fake news”

next