Quella che vedete in questo disegno, nella prima bozza diffusa da Volkswagen, è la variante en plein air dell’ultimo sport utility compatto della casa tedesca, la T-Roc. Si tratta in effetti di una prima volta assoluta, perché mai il marchio di Wolfsburg aveva proposto un suv “scoperto”: verrà prodotto nello stabilimento di Osnabrück a partire dalla seconda metà del 2020 previo investimento di 80 milioni di euro, che serviranno anche a salvaguardare i livelli occupazionali del sito stesso. Che attualmente dà lavoro a 2.300 persone e a regime sarà in grado di produrre ventimila T-Roc cabriolet all’anno. Nel frattempo la versione normale, arrivata alla fine dello scorso anno, ha raccolto finora 40 mila ordini di acquisto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toyota Aygo, una citycar giapponese a Ginevra – FOTO

prev
Articolo Successivo

Hyundai Kona Electric, ecco la versione a batteria del suv compatto coreano – FOTO

next