“Falsificano il bilancio, i bonifici, le firme, falsificano anche le PlayStation“. Dal palco del Lingotto di Torino in occasione dell’evento “#incontriamoci”, Matteo Renzi attacca il Movimento 5 Stelle, citando il caso delle mancate restituzioni e quello più Caiata, il candidato del M5s a Potenza nella bufera perché indagato per riciclaggio (Di Maio ne ha già chiesto l’espulsione). “Noi non siamo un partito fondato da un evasore o un pregiudicato – ha aggiunto Renzi – noi abbiamo l’onesta incorporata e non accettiamo lezioni su questo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi: “Il Falso quotidiano mi accusa di aver pagato la mafia”. È scritto nero su bianco nella sentenza Dell’Utri

next
Articolo Successivo

Elezioni, Di Maio: “Confronto con altri candidati premier? Non saprei con chi farlo, è imbarazzante”

next