Nei giorni scorsi gli elettori italiani residenti all’estero hanno ricevuto il plico con le schede elettorali (sono voti validi quelli pervenuti al consolato entro il 1 marzo). Anche all’isola di Tenerife, dove questa elettrice ha deciso di registrare una videodenuncia, delle modalità con cui viene consegnato il plico. Nelle immagini, pubblicate sul proprio profilo Facebook, si vedono le buste contenenti le schede elettorali e le istruzioni di voto lasciate nelle cassette postali senza alcuna protezione e quindi facilmente accessibili a tutti. Alcune addirittura si trovano sopra le stesse cassette. La ragazza infatti prende diversi plichi in mano, anche quelli non indirizzati a lei: “E la situazione è simile nei palazzi qui intorno” sottolinea. Sul totale degli aventi diritto al voto, gli elettori stimati residenti all’ estero sono circa 4,2 milioni.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, Caiata: “Tranquillo, presto si farà luce e chiederò riammissione al Movimento”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Liberi e Uguali: “Aggrediti da un militante di estrema destra a Pioltello”. Casapound: “Denunciato loro attivista”

next