di Luigi Starace

Questo video segna la fine lessicale del termine “grillino” legato alla Carta di Firenze, all’attivismo e alla funzione politica delle liste civiche 5 stelle, riconoscibili anche per le definizioni “amici di Beppe Grillo” et similaria.

Dall’entrata in Parlamento gli eletti sono diventati lessicalmente “pentastellati”: mentre i “grillini” erano gli attivisti, i “pentastellati” erano quelli nei Palazzi. Nel 2012 il logo è cambiato, in seguito il nome di Beppe Grillo è uscito dal simbolo: il cambio di lemma era dunque legittimato. C’erano anche variazioni chiasmatiche sul tema, come “portavoce grillini” e “attivista pentastellato” ma la sostanza non cambiava: ci si divideva tra chi dentro e chi fuori le istituzioni, lavorava per cambiare l’Italia. Negli ultimi due anni come derivazione lessicale a identificare le colombe M5S si è anche usato il termine “ortodosso” ossia fedele alle indicazioni etiche scaturite dalla Carta di Firenze in particolare il limite dei due mandati, la graticola periodica degli eletti, la rendicontazione volontaria e non coatta delle spese (i famigerati scontrini).

Ora con il “filtro” messo in atto dai falchi M5S delle Parlamentarie 2018, il lemma “pentastellato” va in soffitta: con il blog delle stelle i futuri eletti saranno identificabili con l’aggettivo “stellato” (la maiuscola rimane prerogativa del mitico Stellato dei Kiss), usciranno dalle elezioni politiche i portavoce stellati. Nessun riferimento a Grillo,  pochi al Movimento. Per rimanere sul lessico sicuramente non mancheranno specifiche del tipo “stellati dimaiani” all’indomani del 5 marzo, quando la composizione del nuovo Parlamento sarà definita.

In sintesi quale il linguaggio politically correct? “Grillino” rimane un termine storico ma ambiguo e impreciso: identifica chi vuole l’auto a idrogeno ma anche chi vuol mandare a quel paese il mondo della politica. “Pentastellato” è ormai oggetto di contenzioso legale nazionale perché allo stato attuale esistono due “Movimenti”: quello con la “v” piccola e quello con la “V” grande.
Il minuscolo “stellato” può andar bene per i candidati a queste Politiche e ai futuri eletti.

Riguardo ai gruppi di attivisti, il termine meetup ha assunto dal 2009 l’accezione di attivismo civico, advocacy (richiesta di tutela dal basso di un diritto) e di “petizioni per”. E’ un termine che non lega direttamente al blog delle stelle di Di Maio/Casaleggio Jr., anzi l’esclusione de facto dalla piattaforma Rousseau ne rimarca il distacco. I meetup scemeranno sicuramente di numero, non essendo più le fucine e il trampolino dei futuri candidabili stando alla nuova linea di filtro. Rimarranno quelli che hanno costruito un forte legame con il territorio locale.

In chiusura la ripresa della considerazione iniziale, ossia che Grillo lascia la politica attiva con un giustissimo “ognuno deve costruirsi il proprio futuro, non chiedetelo a me” a prima della movimentazione di massa dei V-day. Il think tank che per definizione è apolitico e forse anche politicamente apolide: le idee non possono essere espressione della parte ossia “partito”, le rivoluzioni culturali effettuano un salto quantico e di discontinuità nell’intero sistema. Ai partiti e quindi anche al neonato partito del blog delle stelle spetta recepirle e integrarle nel proprio programma politico.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, corruzione per smaltire i rifiuti. De Luca: “Sceneggiature impensabili, come grandi operazioni di intelligence”

prev
Articolo Successivo

Parma capitale della cultura, la strategia vincente di Pizzarotti: il dialogo col Pd e l’alleanza con Reggio Emilia e Piacenza

next