Almeno 17 morti e una quindicina di feriti gravi. A poche ore dall’assalto alla scuola superiore di Parkland, in Florida, prende sempre più corpo la gravità della carneficina all’inteno della Marjory Stoneman Douglas High School, che ospita circa 3mila studenti. “Una situazione terribile”, l’aveva definita poco prima il sovrintendente scolastico Robert Runcie.

Lo sparatore è un ex studente, Nicholas Cruz, che secondo quanto confermato dallo sceriffo è stato fermato e preso in custodia della polizia. Il sospettato, riporta Fox citando alcune fonti, ha contatti tramite i social media con diversi gruppi legati alle armi e ha partecipato a diverse chatroom su YouTube sulla produzione di bombe. Cruz, riferiscono alcuni media locali, è descritto da alcune fonti come un ”ragazzo difficile”. Ma evidentemente questo non gli ha impedito di farsi largo nel campus a colpi di ar-15, fucile da assalto semiautomatico.

L’autore della sparatoria ha aperto il fuoco sugli studenti con il volto coperto da una maschera a gas. Nella sparatoria sarebbe morta una professoressa raggiunta dai colpi del killer mentre con il suo corpo proteggeva uno degli studenti. Stando alle immagini diffuse dalla Cnn, agenti delle forze speciali avrebbero poi fatto irruzione in un edificio e ordinato agli studenti di barricarsi all’interno del campus. Le immagini aeree riprese da un’emittente affiliata alla Cnn, la Wsvn, mostrano diverse persone ferite a terra davanti alla scuola, mentre vengono curate e trasportate verso le ambulanze. Sul posto decine di veicoli, compreso un tank. Sul posto anche le squadre di Swat che sono entrate nel campus con unità cinofile. Secondo l’emittente Cbs è stata subito avviata l’evacuazione degli studenti dell’istituto, ma la polizia ha chiesto a studenti e insegnanti di rimanere barricati all’interno finché non sono stati raggiunti dagli agenti. Le autorità hanno chiesto ai cittadini di evitare la zona.

Sono almeno 19 le scuole americane in cui dall’inizio dell’anno si è verificata una sparatoria. I dati sono quelli di Everytown For Gun Safety, associazione che si batte per un maggior controllo sulla vendita delle armi da fuoco. L’episodio più grave finora era stato quello del 23 gennaio scorso quando uno studente di 15 anni in un liceo del Kentucky uccise due studenti ferendone altri 20.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, sindaca Raggi sul luogo della voragine: “Nessun ferito ma responsabile dovrà pagare”

prev
Articolo Successivo

Sudafrica, il presidente Zuma annuncia le dimissioni prima della sfiducia del parlamento

next