L’auto della sindaca che per la seconda volte va in fiamme, con una ruota, la parte anteriore e il vano motore danneggiati. A meno di un anno dalla notte in cui la sua macchina venne incendiata il 27 maggio 2017, Marta Cabriolu, sindaca di Villacidro (Cagliari), denuncia un altro atto intimidatorio avvenuto domenica 11 febbraio intorno alle 22. Nella notte ignoti, forse usando la diavolina, hanno dato fuoco alla sua Ford Fiesta incendiando un contenitore per la raccolta della carta e poi appoggiandolo sull’auto, che era parcheggiata poco distante dall’abitazione. “Una passante si è accorta delle fiamme e ha dato l’allarme – ha spiegato la sindaca alle agenzie – , il rogo è stato poi spento dai vicini. Le fiamme hanno danneggiato una ruota, la parte anteriore e il vano motore”. Sull’episodio indagano i carabinieri e i filmati recuperati delle telecamere della zona potrebbero aver ripreso tutte le fasi dell’attentato.

“Adesso basta, i sindaci sono lasciati soli, questo è il secondo atto che subisco – ha continuato Cabriolu -. Villacidro è una città tranquilla ma si vede a che a qualcuno questo non va bene”. La sindaca aggiunge di non avere “ipotesi” riguardo le ragioni del gesto, arrivato a poco meno di un mese dalla visita a Nuoro del ministro dell’Interno Marco Minniti, che era andato in Sardegna per affrontare proprio il fenomeno degli atti intimidatori contro gli amministratori pubblici. “Al momento non ho ipotesi – dice – il gesto potrebbe essere legato all’attività amministrativa. Non escluderei nulla, ma di certo si tratta dell’atto di un vigliacco. Quando una persona ha problemi e crede di risolverli in questo modo, penso che l’unico aggettivo utilizzabile sia piccolo omuncolo”. E poi aggiunge: “Andrò avanti. Non mi fermeranno“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Macerata, i cittadini stanno con il sindaco: “Manifestazione antifascista? Inutile”. Ma il parroco: “Civiltà e buonsenso”

prev
Articolo Successivo

Milano, vandalizzato il murales dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

next