Avevano detto che non avrebbero rinunciato a sfilare per le vie di Macerata e lo hanno fatto violando il divieto del questore e lo stop della Prefettura. Così ci sono state cariche della polizia nelle vie del centro della città marchigiana per una manifestazione organizzata da Forza Nuova. Una quarantina di attivisti del movimento di ultradestra, guidati da Roberto Fiore, hanno cercato di entrare nella centralissima piazza della Libertà, ma sono stati intercettati e respinti dalla forze di polizia. Durante il contatto tra manifestanti e agenti sono volate anche delle manganellate. Sei i feriti.

Finale di una giornata in cui Anpi e Arci avevano annullato il corteo antifascista per manifestare contro il gesto di Luca Traini, che ha ferito alcuni stranieri con la sua pistola dopo la morte di Pamela Mastropietro. Il ministro dell’Interno Marco Minniti  aveva insistito: “Se le forze politiche si rifiuteranno di rinviare le manifestazioni, ci penserà il Viminale a vietarle”, aveva detto in un colloquio riportato da Repubblica. Il risultato è che gli estremisti di destra hanno manifestato comunque.

immagini di èTv Marche

Una decina di attivisti di Fn è stata portata in Questura. Potrebbero essere denunciati per aver violato le disposizioni del questore, dopo il divieto annunciato dalla Prefettura. Inizialmente la manifestazione di Forza nuova era prevista in piazza Oberdan, dove intorno alle 20.30 si sono radunati gruppi di estrema sinistra, urlando slogan antifascisti. I manifestanti di Fn si sono mossi su un altro itinerario e hanno cercato di andare verso piazza della Libertà. I due gruppi ad un certo punto si sono fronteggiati, divisi da un cordone di polizia, gridando insulti e slogan. Alla fine i manifestanti si sono dispersi.

Le polemiche erano iniziate nelle scorse ore con la richiesta del sindaco di Macerata di non fare cortei in città, a cui è seguito l’annuncio dell’intervento del Viminale. La scelta e le parole del ministro hanno provocato numerose reazioni, in un clima già molto teso di campagna elettorale. Liberi e uguali aveva deciso di scrivere una lettera al governo: “Fascismo e antifascismo non sono paragonabili”, avevano scritto gli esponenti Pippo Civati, Nicola Fratoianni Roberto Speranza. “La scelta che avete fatto di vietare la possibilità di manifestare sabato prossimo a Macerata è sbagliata e pericolosa”.