Sei condanne con dai 2 ai 4 anni. È la sentenza emessa dai giudici di Napoli nel processo per la mancata bonifica dell’area di Bagnoli e dell’area dell’ex Italsider. Il verdetto della VI sezione del Tribunale di Napoli prevede anche la revoca del sequestro dell’area. I principali reati contestati sono di disastro ambientale e truffa. I giudici hanno condannato a 4 anni Gianfranco Caligiuri, ex direttore tecnico di Bagnolifutura, a 3 anni Sabatino Santangelo, ex presidente di Bagnolifutura ed ex vice sindaco di Napoli, ed Alfonso Di Nardo, dirigente Arpac, a 2 anni Gianfranco Mascazzini, ex direttore generale del ministero dell’Ambiente, Mario Hubler, ex direttore generale della società Bagnolifutura e Giuseppe Pulli, del dipartimento Ambiente del Comune di Napoli. Il pm, Stefania Buda, al termine della requisitoria aveva chiesto la condanna di 8 imputati e l’assoluzione per sei. Gli altri imputati sono stati assolti o in alcuni casi è stata dichiarata la prescrizione dei reati contestati. I giudici hanno derubricato l’accusa di disastro ambientale doloso in quella meno grave di disastro colposo.

“Il dissequestro è benvenuto perché consente al proprietario dell’area, che in funzione di una norma è Invitalia, di poterla gestire pienamente. Prima dell’estate credo si possa iniziare lavori di progettazione della bonifica” ha detto all’Ansa l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri -. Una parte delle problematiche che abbiamo avuto – spiega Arcuri – è stata legata alla legittima decisione da parte del tribunale di tenere l’area sequestrata in attesa di questa sentenza. Questa lesione è venuta finalmente meno e ringraziamo il tribunale che ha disposto il dissequestro che ci permette ora di semplificare e velocizzare le operazioni su Bagnoli”. Arcuri ricorda che Invitalia ha “bandito la gara per la progettazione delle bonifiche, avendo condiviso con la cabina di regia i risultati dell’analisi tecnica che hanno evidenziato scientificamente che la bonifica va fatta da capo”. La bonifica è tuttora da rifare. 

L’accusa, sulla scorta anche di una perizia disposta dal Tribunale, aveva contestato agli imputati i reati di truffa e disastro ambientale, dal momento che le aree industriali in questione, un tempo occupate da Italsider ed Eternit, sono risultate pesantemente inquinate.  Le aree in questione – secondo la Procura – non solo non sarebbero mai state sottoposte a interventi di bonifica, ma addirittura sarebbero peggiorate dopo gli interventi attuati, con pesanti ricadute sulla salute dei cittadini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali Russia 2018, “cani randagi sterminati in massa nelle città delle gare”. La petizione a Putin

prev
Articolo Successivo

Auto elettriche, come saranno le macchine (e la salute) di domani

next