Ha accoltellato la professoressa di italiano al volto che voleva interrogarlo per fargli recuperare una insufficienza. Per questo è stato fermato dai carabinieri uno ragazzo di 17 anni, studente all’istituto superiore Ettore Majorana di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta. Secondo quanto accertato dai militari, l’alunno che si è presentato a scuola con un coltello, si è scagliato contro la docente colpendola al volto davanti ai compagni, mentre erano in corso le lezioni per futili motivi dovuti a presunte offese da parte della stessa.

Pare che la donna, visti gli scarsi risultati a scuola, volesse interrogarlo per fargli recuperare una insufficienza. Ma il ragazzo a quel punto l’uomo ha estratto il un coltello sfregiando la professoressa, rimasta ferita alla guancia sinistra e condotta all’ospedale di Maddaloni, dove è stata giudicata guaribile in 15 giorni. Le grida della docente e degli altri alunni hanno richiamato i bidelli e insegnanti impegnati in altre aule. Poco dopo sono intervenuti i carabinieri e il ragazzo, residente ad Acerra, è stato fermato e si trova in caserma per essere interrogato.

Il 17enne risponde di lesioni gravi: non ha ancora chiarito ai carabinieri il perché del gesto, mentre la professoressa, Franca Di Blasio, di 54 anni, è ancora in ospedale di Maddaloni dove gli è stata suturata la ferita, e presto sarà sentita. I militari stanno cercando di capire se l’adolescente avesse portato con sé l’arma per “dare una lezione” alla prof, se avesse dunque progettato di aggredire la docente, che probabilmente cercava solo di stimolarlo a impegnarsi di più nello studio. Gli studenti dell’I.S. “Majorana-Bachelet” hanno condannato l’episodio: “Intendiamo assolutamente dissociarci e condannare l’atto di violenza di cui si è reso protagonista uno studente del nostro istituto” dicono in una nota pubblicata sulla pagina facebook della scuola. “Il gesto – proseguono – ci lascia amareggiati e stupiti. Esprimiamo il nostro affetto alla nostra Professoressa e all’intero corpo docente che quotidianamente si prende cura di noi, non solo istruendoci, ma soprattutto educandoci al rispetto delle regole e delle persone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Angelo Vassallo e il rischio di una pietra tombale sulla sua morte

prev
Articolo Successivo

Bari, insulti sessisti alla consigliera Irma Melini. I risultati della perizia grafologica: “È stato Francesco Colella del M5s”

next