“Chi urla odio razziale, chi usa espressioni omofobe, chi è iscritto alla massoneria, chi nella propria vita ha portato nella vita azioni indecenti non si può candidare col M5s”. Sono le parole pronunciate a Otto e Mezzo (La7) dal candidato M5S alla presidenza del Consiglio, Luigi Di Maio, a proposito delle proteste e dei ricorsi degli esclusi dalle Parlamentarie. “Abbiamo fermato anche altre candidature in cui abbiamo trovato qualche anomalia” – continua – “come ad esempio, di persone che erano iscritte al registro della massoneria”. Il giornalista del Corriere della Sera, Beppe Severgnini, commenta: “Meglio tardi che mai, soprattutto per quanto riguarda l’odio in rete. Noi giornalisti abbiamo subito insulti che lei non può immaginare. Anzi, se li immagina. Nel mondo 5 Stelle c’è questo problema. Perché non lo ammette e dice che i suoi gli sono scappati di mano?”. Di Maio replica: “In questi anni, anche per le elezioni comunali e regionali, abbiamo sempre escluso anche candidati in corsa, che avevano delle espressioni di odio pesante o dei comportamenti sbagliati. Anche io ricevo in rete da fan di altri partiti insulti, espressioni di odio e minacce di morte”. Di Maio poi sottolinea: “Sono disponibilissimo a confrontarmi con tutti i candidati alla presidenza del Consiglio delle altre forze politiche. Anche con Renzi, ovviamente se le forze politiche ci faranno sapere se veramente quelli sono i loro candidati alla presidenza del Consiglio, visto che Renzi dice che gli sta bene anche Gentiloni e Berlusconi è ineleggibile. Io posso anche confrontarmi con Renzi e Berlusconi, però queste persone promettono di cambiare il Paese, dopo che hanno governato 5-20 anni. Mi riesce anche difficile avere davanti un interlocutore che abbia la credibilità di dire che vuole cambiare il Paese, quando negli ultimi 20 anni in cui ha governato lo ha peggiorato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, il padre è condannato: Forza Italia candida il figlio. Che offendeva magistrati e pentiti: “Figli di pulla”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Di Maio: “Art.18? Vogliamo reintrodurlo. Salvini? Addomesticato da Berlusconi con seggi in più”

next