La relazione di maggioranza approvata dalla Commissione d’inchiesta sul sistema bancario “è seria, decisa e allo stesso tempo equilibrata, e ha il grande pregio di non essere elettorale”. È quanto ha affermato il presidente della bicamerale, Pier Ferdinando Casini, al termine dei lavori della Commissione. “Abbiamo votato un documento di maggioranza che nel suo testo contiene una parte di analisi di quello che e’ successo, una di valutazioni e una conclusiva – ha aggiunto Casini sottolineando che – considerando la ristrettezza dei tempi quello compiuto e’ un mezzo miracolo” Poi Casini si rivolge ai risparmiatori truffati: “A loro dico che ci sono dei ladri, dei truffatori che hanno cercato delle scorciatoie nell’illegalità per tenere in piedi i loro istituti. Loro sono i primi responsabili, ma questo lo valuterà la magistratura. L’attività di vigilanza non si è dimostrata del tutto efficace e non si può dare in mano a risparmiatori ignari prodotti che hanno un altissimo profilo di rischio”. Infine Pier Ferdinando Casini risponde alle critiche di chi sostiene che la sua candidatura nel Pd sia legata al ruolo di presidente svolto nella Commissione d’inchiesta: “Non pensavo di aver perso i diritti civili all’accettazione della presidenza. Mi candido con la coalizione che ho sempre sostenuto, quindi non ci trovo niente di particolare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banche, relazione approvata da sola maggioranza. Meloni: “Commissione fallimentare”. Sibilia: “Chiusa nel peggiore dei modi”

prev
Articolo Successivo

Roma Capitale, approvato il nuovo Statuto targato M5S: ridotte le quote rosa, sì al referendum propositivo

next