I gas di scarico delle auto diesel dei colossi tedeschi non sono stati provati solo su scimmie ma anche su cavie umane. Lo scrivono Sueddeutsche Zeitung e Stuttgarter Zeitung, rivelando nuovi particolari sui test in cui sono coinvolte VolkswagenBmw e Daimler. Secondo i due giornali tedeschi, la Società di Ricerca europea per l’Ambiente e la Salute nei Trasporti (Eugt), fondata dai tre colossi dell’auto nel 2007 insieme a Bosch, ha promosso “un breve studio di inalazione con biossido d’azoto su persone sane”. Venticinque cavie sono state sottoposte a dei controlli presso la clinica universitaria di Aquisgrana dopo che avevano respirato biossido di azoto per tre ore al giorno per quattro settimane consecutive. È quanto emerge nella ricerca pubblicata il 7 maggio 2016 sulla rivista International Archives of Occupational and Environmental Health, condotta universalità tedesca di Aquisgrana e da Eugt.

Angela Merkel ha condannato gli esperimenti affermando che “questi test sugli animali e perfino sulle persone non trovano alcuna giustificazione sul piano etico. L’indignazione di tante persone è assolutamente comprensibile”, ha affermato il portavoce Steffen Seibert, rispondendo a una domanda al riguardo in conferenza stampa a Berlino.

Stando al rapporto della stessa società di ricerca Eugt che ha promosso gli esperimenti, e che viene citato dai due giornali, non sarebbero stati rilevati effetti sui pazienti dall’emissione del gas. La stessa società, probabilmente anche alla luce del dieselgate, è stata poi sciolta nel 2017.  Il biossido di azoto (NO₂) è infatti l’inquinante le cui misurazioni sono state manipolate da Volkswagen per anni per conformarsi ufficialmente ai limiti legali per i veicoli diesel. In realtà, i limiti sono stati superati molte volte. Secondo il rapporto, è stato esaminato proprio l’effetto di diverse concentrazioni di NO₂ nell’aria respiratoria su 25 soggetti sani.

La cancelliera tedesca ha sollecitato i gruppi dell’auto tedesca coinvolti nello scandalo a fare chiarezza. I consigli di amministrazione e chi ha commissionato i test dovranno ora rispondere alle difficili domande su quale fosse lo scopo dei test, ha affermato il portavoce. Le industrie dell’auto avrebbero dovuto limitare le emissioni e non dimostrarne la presunta innocuità, ha aggiunto. Nel rapporto Eugt figurano anche i dirigenti delle tre società, scrive la Sueddeutsche Zeitung. Il Consiglio consultivo di ricerca era formato da professori e medici, guidati da Helmut Greim dell’Università di Monaco.  L’obiettivo ufficiale era quello di esaminare e documentare l’impatto dei trasporti sulle persone e sull’ambiente senza pregiudizi, ma il vero obiettivo, scrive il giornale bavarese, era promuovere con forza l’idea del “diesel pulito“.

Lo repliche – A prendere subito le distanze è stata Daimler, produttore dei marchi Mercedes e Smart. “Ci dissociamo esplicitamente dallo studio “, ha detto la casa automobilistica di Stoccarda, come riporta la Sz. “Siamo scossi dalla portata degli studi e dalla loro attuazione” e “condanniamo gli esperimenti nei termini più forti”. Daimler ha sottolineato che non hanno avuto alcuna influenza sulla configurazione sperimentale e che il gruppo ha “lanciato un’indagine approfondita per capire come si è arrivati a questo”. “Il consiglio di sorveglianza è d’accordo: la questione deve essere chiarita il più rapidamente possibile”, ha detto anche il presidente del consiglio di fabbrica di Volkswagen, Bernd Osterloh. “Come consiglio del gruppo Vw, siamo scossi. I limiti etici e morali sono stati ovviamente superati”, ha aggiunto. Netta anche la presa di posizione anche di Bmw Group: “Non conduciamo studi su animali e non abbiamo preso parte a questa sperimentazione. Per questo motivo non siamo in grado di dare informazioni sul tema in oggetto o commentarlo”.

Test sulle scimmie – Solo due giorni fa aveva sollevato polemiche il caso svelato dal New York Times che rivela le torture effettuate su 10 scimmie sempre da Bmw, Daimler e Volkswagen. Secondo quanto emerso, le scimmie sono state rinchiuse in una specie di vetrina, tranquillizzate con la proiezione di cartoni animati, e sottoposte a gas di scarico per 4 ore. Volkswagen ha poi chiesto scusa e ha sostenuto di prendere le distanze da ogni forma di tortura degli animali. “Non sono in alcun modo accettabili” e chi ha sbagliato pagherà, aveva detto il presidente del Consiglio di sorveglianza di Volkswagen, Hans Dieter Poetsch. “Farò tutto il possibile perché vi sia un’indagine completa sulle procedure”, aveva concluso.

Stephan Weil, presidente della Bassa Sassonia, il Land che rappresenta uno dei grandi azionisti di Volkswagen, chiede al colosso tedesco di fare subito “piena chiarezza” sulla vicenda. Già sabato, a proposito degli esperimenti condotti sulle scimmie, Weil aveva affermato che si tratta di procedure “assurde e nauseanti“, e questo, ha spiegato oggi, vale ovviamente a maggiore ragione se i test sono stati fatti su persone. Weil ha affermato che va chiarito anche lo scopo: se i test non fossero stati promossi per tutelare i lavoratori in fabbrica, ma a scopi di marketing e per le vendite, “non trovo nessuna giustificazione accettabile per procedure del genere”.