Easyjet fa una mossa verso la parità salariale tra uomini e donne. Il nuovo amministratore delegato della compagnia low cost, Johan Lundgren, ha deciso di ridurre volontariamente il suo stipendio allineandolo a quello di Carolyn McCall, che ha ricoperto il ruolo prima di lui. Questo dopo le polemiche che hanno investito la compagnia aerea low cost britannica per l’alto gap salariale registrato in azienda.

Nel Regno Unito da quasi un anno i datori di lavoro devono registrare e pubblicare il differenziale retributivo tra uomini e donne. La normativa è rivolta alle aziende con almeno 250 lavoratori per un totale di oltre 15 milioni di dipendenti, quasi la metà della forza lavoro. Per la compagnia aerea la differenza è risultata essere del 51,7%. Così Lundgren è corso ai ripari, facendo sapere: “Siamo assolutamente impegnati a dare pari stipendio e pari opportunità a donne e uomini. Voglio che si applichi a tutti in EasyJet e per dimostrare il mio impegno personale ho chiesto al Cda di ridurre la mia retribuzione per corrispondere a quella di Carolyn McCall quando era alla guida della compagnia”.

Lundgren dal primo dicembre scorso riceveva un stipendio annuale di 740mila sterline (circa 840mila euro). Il dirigente svedese ora ha annunciato che lo ridurrà allineandolo alle 706mila sterline (circa 801mila euro) l’anno ricevute da McCall. Lundgren, inoltre, ribadisce il suo impegno “per affrontare lo squilibrio di genere nella nostra comunità di piloti” e per raggiungere l’obiettivo fissato al 2020 che è quello che prevede che il 20% delle assunzioni siano di piloti donne. “Ma nel futuro vogliamo andare anche oltre questo obiettivo”, aggiunge. Lo squilibrio di genere, rileva la compagnia low cost, “è un problema per l’intera industria dell’aviazione“: circa il 4% dei piloti commerciali in tutto il mondo sono donne (5% in EasyJet).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lavoratori disabili, le nuove regole per l’assunzione: diritti, doveri e tempistiche

next