“Punti in comune tra me, Gori e Fontana? Devo capire quali sono quelli di Gori e Fontana, perché non sono ancora riuscito a leggere i loro programmi. Chi vuole portare avanti le politiche del centrodestra e chi si propone come alternativa elogiando il ventennio ‘formigoniano’ non hanno nulla da spartire con noi. Nomi imposti nelle liste dal M5s? Faccio fatica a vedere imposizioni, ho visto partiti che stanno nelle stanze fino alle 4 del mattino coi dirigentelli a fare e disfare liste e ho visto un gruppo politico che ha aperto alla possibilità di fare le liste con un’elezione democratica. Fontana non è forte delle sue idee ed è ancora coinvolto nelle problematiche di poltrone, scambi, alleanze all’interno del centrodestra”. Queste le parole di Dario Violi intervenuto a margine della presentazione del programma M5s “Le politiche di genere e le pari opportunità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regionali Lazio, Stefano Parisi: “Pirozzi? Spero che sia nostro alleato. Per vincere bisogna essere uniti”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Adinolfi: “Mussolini? Ha fatto oggettivamente cose buone. Gay? Italia ‘bullizza’ obesi, non omosessuali”

next