Sono almeno 103 i morti e 235 le persone ferite in un attentato kamikaze nel centro di Kabul, rivendicato dai talebani. L’attacco suicida è avvenuto sabato mattina nei pressi della vecchia sede del ministero dell’Interno. L’edificio ora ospita l’Alto Consiglio di pace (Hpc) e sorge nei pressi di un ospedale e numerosi negozi. L’esplosione ha causato gravi danni agli edifici, alle auto e alle infrastrutture nella zona di Sedarat Square, vicino alla nota Chicken Street. Nella zona si trovano anche gli uffici dell’Unione europea e di un’agenzia di intelligence afghana, gli uffici del Dipartimento nazionale della sicurezza e le ambasciate di India, Indonesia e Svezia.

Per portare l’esplosivo i talebani hanno usato un’ambulanza, lanciata a quanto pare contro un auto della polizia. Il portavoce ministeriale, Nusrat Rahimi, ha indicato a Tolo Tv che l’autobomba è saltata in aria dopo aver superato il primo check-point. L’attentatore avrebbe colpito la vettura con a bordo i poliziotti mentre stavano portando un paziente all’ospedale di Jamhoriat.

La situazione è altamente critica nelle strutture ospedaliere della zona, dove le centinaia di feriti – molti in condizioni critiche – sono stati soccorsi. “Un massacro“,  lo ha definito Dejan Panic, coordinatore in Afghanistan di Emergency, che si sta occupando delle cure di oltre 70 persone colpite dall’attentato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Davos, Donald Trump: “Serve sistema commerciale equo. Metterò sempre l’America al primo posto”

next
Articolo Successivo

Iraq, 8 persone uccise per errore da un elicottero americano. Anche 11 feriti

next