A poco più di un mese dalle elezioni politiche la coalizione di centrodestra è lo schieramento che ottiene più preferenze ed è in costante crescita. Un effetto dovuto soprattutto a Forza Italia e al listino Noi con l’Italia, la quarta gamba voluta proprio da Silvio Berlusconi. Questo è il quadro che mostrano sia il sondaggio di Index Research per Piazza Pulita di La 7 che quello di Tecné per la trasmissione di Canale 5 Matrix. Per le due rilevazioni il centrodestra ottiene rispettivamente il 37,3% e il 38,9% delle preferenze, avvicinandosi a quel 40% che in linea teorica consentirebbe di avere la maggioranza. Il partito preferito dagli intervistati è invece il Movimento 5 stelle, stimato sopra il 27% da entrambi i sondaggi. Secondo Index Research si è arrestato il calo del Partito democratico, stabile al 24% da una settimana, mentre Tecné rileva che il Pd ha perso lo 0,7% rispetto a un mese fa e oggi è al 22,3%.

Forza Italia guadagna ancora 0,2 punti percentuali e arriva al 15,8%, seguita dalla Lega stabile al 13,7% (+0,1) e da Fratelli d’Italia in leggero calo al 5,2%. Secondo il sondaggio Index Research per Piazza Pulita, cresce più di tutti però Noi con l’Italia, la lista che raggruppa i vari Raffaele Fitto, Saverio Romano, Maurizio Lupi e l’Udc di Lorenzo Cesa: +0,6 punti percentuali e 2,1% delle preferenze. Il M5s è dato invece in calo di mezzo punto e passa dal 27,5% del 18 gennaio al 27% di giovedì sera. Per Index Research è finita la caduta del Pd, che rispetto a una settimana fa rimane al 24%, così come la coalizione di centrosinistra è ferma al 27,9%. Stabile anche il consenso per Liberi e uguali, stimato al 6,5%.

Cambiano leggermente i valori della rilevazione di Tecné per Matrix. Innanzitutto la crescita del M5s di mezzo punti percentuali rispetto a un mese fa: da 26,9 a 27,4%. Il paragone rispetto a 30 giorni fa sottolinea anche il crollo dei dem, scesi ancora fino al 22,3% (-0,7). Cala anche Leu dal 7,9 al 6,3% delle preferenze degli intervistati. Ma la perdita più grave per Tecné la registra la Lega: meno 1,6 punti percentuali e 12,5% delle intenzioni di voto. In comune con Index invece la rilevazione della crescita di Forza Italia data al 18,3% (+0,8% rispetto a un mese fa) e della new entry Noi con l’Italia, stimata addirittura al 2,8%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, Cerno arriva al Nazareno: “Non mi ha convinto Renzi, qui per combattere le battaglie di una vita”

next