Clèment Lanot, video reporter freelance, stava filmando a Parigi la “Marche pour la vie” (Marcia per la vita), indetta per protestare contro la procreazione medicalmente assistita (PMA) e l’eutanasia, bruscamente interrotta dall’irruzione di alcune militanti Femen.
Le attiviste, rigorosamente a seno nudo e con dei secchi in mano, hanno invocato “carità cristiana per le lesbiche“, chiedendo ai presenti “donazioni di sperma per le lesbiche”. Ma il servizio di sicurezza è intervenuto in modo deciso per fermare le ragazze e allontanarle. Talmente deciso che a pagarne le conseguenze è stato lo stesso reporter che si è visto rompere la macchina fotografica durante le riprese

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gerusalemme, Pence alla Knesset: ‘Trump ha fatto la Storia’. Proteste dei deputati arabi. Olp: “Discorso regalo a estremisti”

next
Articolo Successivo

Cronache pechinesi – Boom cinese? E se i dati economici fossero dei fake?

next