Grasso come leader “è se stesso: una persona seria – afferma D’Alema – Certo è più difficile conquistare la scena, se uno non partecipa a questa grottesca gara a chi la spara più grossa, cui sono impegnati a pari titolo il grande maestro Berlusconi e il suo giovane allievo Renzi. Tra poco li sentiremo promettere come Lucio Dalla che sarà tre volte Natale“. A dirlo è Massimo D’Alema, intervistato dal Corriere della Sera, ipotizzando dopo il voto un governo del presidente e “una convergenza di tanti partiti diversi attorno a obiettivi molto limitati“.

“La classe dirigente ha il dovere di dire la verità al Paese: questa legge è congegnata perché nessuno abbia la maggioranza. Occorrerà lo sforzo di garantire una ragionevole governabilità, mentre il Parlamento avrà un compito costituente, a cominciare da una nuova legge elettorale. Il Paese pagherà un prezzo alto al fallimento del renzismo, al modo disastroso, superficiale e arrogante con cui ha affrontato questioni delicatissime come le riforme”. Rivolto al gruppo dirigente del Pd, l’ex presidente del Consiglio dice: “Non facciamoci del male; creiamo le condizioni per un dialogo futuro. Dopo il 4 marzo, viene il 5 marzo. Il Pd dovrebbe semmai dedicare la sua campagna a contrastare la destra“. Viceversa “consiglierei al Pd – continua D’Alema – di adottare una certa prudenza, anziché continuare ad attaccarci”, perché “attaccare noi non porta voti a loro, ma ai Cinquestelle. L’uso strumentale del voto utile per schiacciarci non funziona ed è controproducente”. Sugli inviti a fare “un passo di lato” D’Alema rassicura: “Sono estremamente laterale. Faccio campagna in uno dei collegi uninominali più laterali del Paese, il Basso Salento, non partecipo a negoziati per posti sicuri. Do una mano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Richetti: “Gentiloni? Impegnato in tutta Italia non solo in un collegio. Boschi? Mai indagata”

next
Articolo Successivo

Elezioni, la Lega candida la Bongiorno: “Uguaglianza e libertà? Meglio divieti e regole. Riaprire le case chiuse”

next