Un ministero per la Solitudine. A istituirlo è la premier britannica Theresa May, che ha nominato un “sottosegretario alla solitudine” per affrontare un tema sociale e sanitario che nel Regno Unito riguarda 9 milioni di persone. La leader conservatrice ha scelto per questo incarico la 42enne deputata Tory Tracey Crouch, chiamata ad affrontare una “sfida generazionale” in una realtà sempre più frammentata e disgregata.

La neo-sottosegretaria si è detta pronta a collaborare con gli altri partiti, all’interno di un vasto progetto che era stato creato da Jo Cox, la deputata laburista uccisa nel 2016 da un fanatico di estrema destra. Era stata proprio lei infatti a creare la commissione contro la Solitudine, un organismo che lavorava a soluzioni per risolvere la ‘piaga’ nazionale. “Jo Cox aveva riconosciuto la vastità del problema a livello nazionale e aveva messo tutta se stessa per aiutare quanti ne erano colpiti”, ha affermato in un comunicato la premier May.

Un report elaborato lo scorso anno ha delineato un quadro preoccupante: 9 milioni di persone costrette a vivere in un contesto isolato, spesso per settimane, e a sopportare un peso che – per la salute – è paragonabile ai danni provocati da 15 sigarette al giorno. “Jo Cox ha evidenziato il livello della solitudine nel Paese e ha dedicato tutta se stessa ad aiutare chi soffre”. L’attenzione va rivolta in particolare alle persone anziane: si stima che metà degli over 75 viva da solo. Si tratta di circa due milioni di cittadini, molti dei quali non escono per giorni o addirittura per settimane. L’isolamento diventa ancor più profondo nei mesi invernali che finiscono per azzerare o quasi la vita sociale. Il governo, fa sapere la Bbc, ha annunciato che l’Ufficio nazionale di statistica elaborerà un metodo per ‘misurare’ la solitudine e verranno stanziati fondi per affrontare le emergenze.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regeni, università di Cambridge: “Contro la Abdelrahman campagna vergognosa”

prev
Articolo Successivo

Nord e Sud Corea insieme ai Giochi, Fiori: “Nessun effetto su questione nucleare. E’ già accaduto e i rapporti sono pessimi”

next