“Ho letto la notizia sull’Ansa, ma è una follia che qualcosa che dovrebbe essere riservata viene resa pubblica in questo. Sono indignato”. Lo ha detto Beppe Sala durante un’intervista a Siamo italiani, la trasmissione di Roberto Poletti che è andata in onda martedì sera sul canale 152 di Intelligo Tv. “Sono pur sempre il sindaco di Milano – aggiunge – e ci sarebbe voluta maggiore attenzione istituzionale”. Poi spiega: “Noi dovevamo assegnare questa fornitura del verde per Expo… Ho fatto fare una verifica dei valori a Mm su ogni opera. Il valore era di 6 mln e l’azienda mi proponeva uno sconto del 15%; poi come posso sapere che la società aveva comprando le piante con uno sconto? MM aveva fatto una perizia“.

“Io sono molto deluso di come si svolge il tutto – continua Sala – ma questo non intacca la mia volontà di continuare. Aggiungo solo una cosa, riprendendo anche il caso del sindaco di Livorno che è indagato per omicidio colposo, non voglio entrare nel merito delle indagini, ma se andiamo avanti così ma chi vorrà più fare il sindaco ?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Berlusconi, le bugie su furti e rapine. Con lui al governo si commettevano più reati: 2,4 milioni nel 2016, nel 2011 erano 2,7

prev
Articolo Successivo

Elezioni Lombardia, Fontana: “Razza bianca? Espressione infelice, me ne dolgo”. Gori: “Non era una gaffe”

next