Avversari del Partito democratico renziano alle Politiche e alle Regionali in Lombardia, ma pronti a trattare un’intesa nel Lazio, dopo gli appelli all’unità arrivati dal fronte dem e dai “padri nobili” Veltroni e Prodi. Se Liberi e Uguali di Pietro Grasso ha deciso di non sostenere Giorgio Gori, candidato del centrosinistra lombardo, al contrario cercherà la via dell’accordo con il governatore uscente Nicola Zingaretti. A deciderlo è stata l’assemblea di LeU Lazio, che ha dato mandato allo stesso leader Grasso – presente all’assemblea –  di portare alcuni punti programmatici a un confronto con il presidente della Regione. “Una scelta incoerente rispetto alla strategia nazionale? Noi poniamo un problema di politiche, non di uomini. Se Zingaretti accetterà i punti che proporremo, lo appoggeremo”, ha replicato a IlFatto.it il presidente del Senato uscente.  Ma se a Milano l’annuncio della corsa solitaria per LeU di Onorio Rosati è stato accolto tra acclamazioni e standing ovation dall’assemblea lombarda, a Roma l’unanimità su Zingaretti non c’è stata. E la discussione è proseguita con ritmi lenti. Grasso ha ascoltato per quasi tre ore gli interventi dei delegati laziali, prima di prendere la parola al termine dell’assemblea e ottenere l’incarico per portare avanti le trattative. In realtà, una conta interna alla lista di LeU è stata evitata: nessun voto, dopo le tensioni tra Mdp-Articolo Uno, Sinistra Italiana ePossibile (con i bersaniani aperturisti verso le alleanze regionali con il Pd, al contrario dei compagni di partito) e il rischio di una precoce spaccatura.
Ma se Grasso, Boldrini e lo stato maggiore di LeU spingono per siglare l’accordo, parte della base resta a dir poco scettica, tra militanti e delegati tutt’altro che convinti dell’operazione Zingaretti. Anche perché sarà pure previsto l’election day, tra Politiche e Regionali nel Lazio, il 4 marzo. “Come faremo in campagna elettorale a spiegare ai nostri elettori che il Pd è un avversario a livello nazionale, ma un alleato nel Lazio?”, c’è chi ha avvertito. E ancora: “Se bisogna essere alternativi, bisogna esserlo sempre, dalle Alpi alla Sicilia”. Altri ancora hanno bocciato in modo netto lo stesso operato del presidente, al di là delle strategie politiche: “Ha deluso”. In pratica, dopo Lombardia e Politiche, non pochi puntavano alla rottura anche nel Lazio. Al contrario, chi si è schierato per l’accordo in assemblea, ha ricordato le differenze tra il presidente della Regione Lazio e Renzi. Oltre ad evocare il pericolo destre: “Non possiamo fare un favore a Gasparri, o chi per lui. Un accordo è necessario”. E tutto lascia supporre, come confermano anche da LeU, che alla fine l’accordo si farà

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, un altro ricorso di Borrè: questa volta per togliere nome e simbolo a Grillo

next
Articolo Successivo

Sondaggi, M5s primo partito e Pd in calo. Il centrodestra è al 35,9% ma distante 47 seggi dalla maggioranza alla Camera

next