Di Maio? Su Primo Canale ha fatto uno strafalcione mondiale, ma di solito, secondo me, sbaglia di proposito per stare in sintonia con la maggioranza degli italiani”. Così, ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus), il senatore Pd, Stefano Esposito, commenta l’ultimo scivolone grammaticale commesso dal candidato M5S alla presidenza del Consiglio, Luigi Di Maio (“Io da sempre ho sempre detto, il Movimento ha sempre detto che noi volessimo fare un referendum sull’euro”). E aggiunge: “Di Maio sbaglia volontariamente il congiuntivo per far sentire più vicini quelli che hanno difficoltà col congiuntivo stesso. E’ una mia tesi da parecchio tempo e infatti su twitter non rilancio mai gli errori grammaticali di Di Maio. E’ una strategia studiata, una operazione di marketing“. Sulla sentenza della Corte di Appello che ha condannato l’ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, a due anni di reclusione, Esposito preferisce non commentare e ricorda gli insulti che ha dovuto incassare per questa vicenda. Poi si pronuncia sul caso Renzi-De Benedetti: “In quei giorni io, che sono un semplice parlamentare, ricevevo telefonicamente, e anche dentro i corridoi del Senato, le richieste di lobbisti (e lo dico senza accezione negativa). Questi lobbisti, responsabili delle relazioni istituzionali di banche, fermavano i parlamentari per chiedere se il decreto sarebbe passato. Io rispondevo a queste persone, dando le informazioni di cui disponevo. Se De Benedetti ha fatto una telefonata a Renzi per chiedere del decreto, non vedo quale sia il problema. Se poi De Bendetti ha fatto delle operazioni speculative, deve risponderne lui”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, consigliera M5s si autosospende dopo aver usato l’auto blu per portare la figlia a scuola. Di Maio: “Gravissimo”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia: post su Fb pubblicato da Leopoli, Ucraina. Palmieri: ‘Dietro non c’è la Russia, ma la moglie di un mio collaboratore’

next