La campagna elettorale parte da San Macuto, il palazzo di Roma dove si riunisce la commissione parlamentare di Vigilanza Rai. Ed è un debutto feroce. I partiti devono approvare il regolamento sulla par condicio nel servizio pubblico (spazi uguali ai candidati) e l’elenco – stilato dal dg Mario Orfeo – dei programmi e dei conduttori da inserire in palinsesto. Il voto finale è in programma domani 9 gennaio, ma già oggi sono iniziate le polemiche. Il direttore generale ha incluso Fabio Fazio e Bruno Vespa, “artisti” per definizione e tipologia dei contratti, e un pezzo di commissione (e di azienda) ha dato il via alla rivolta. Il Movimento 5 stelle in testa chiede che siano esclusi entrambi, ma il Pd non intende considerare l’ipotesi. Sul caso si è espresso il direttore del TgLa7 Enrico Mentana: “E’ possibile che nel 2018 stiamo a dividere tra chi fa e chi non fa il giornalista?”, ha detto intervenendo a Un Giorgio Da Pecora su Rai Radio1. Intanto lo staff di Porta a Porta fa sapere che da martedì a giovedì sono invitati in trasmissione, in ordine i tre leader: Luigi Di Maio, Matteo Renzi e Silvio Berlusconi.

I FATTI – La coppia di Rai1 ha ingaggi superiori al tetto di 240.000 euro imposto, invece, ai giornalisti e ai dipendenti di Viale Mazzini da una legge del governo di Matteo Renzi. E dunque, secondo numerosi partiti, la coppia non va utilizzata in campagna elettorale: “Perché Vespa e Fazio sì e Paolo Fox no? Un giorno fa l’oroscopo, un altro intervista un politico”, provocava già ieri un esponente del centrodestra.

Viale Mazzini ha interpretato in maniera originale la norma sui compensi e così ha offerto a Vespa – che fa Porta a Porta dal ’96 e non manca un appuntamento elettorale da oltre vent’anni – un accordo da 1,2 milioni di euro (taglio del 30 per cento) e poi ha protetto Fazio da un profluvio di critiche per lo stipendio da 2,2 milioni e i costi di Che tempo che fa. Per milioni di motivi (e di euro), Orfeo non può rinunciare a Fazio e Vespa: con la scusa che l’altra volta (e anche prima) erano in onda per le elezioni, li ripropone alla Vigilanza. C’è una differenza, però: nel 2013 o nel 2008, non c’era ancora la legge sugli stipendi del servizio pubblico, in vigore da un anno. Viale Mazzini deve affrontare una commissione spappolata e con divisioni all’interno degli stessi partiti. Il progetto di Orfeo – che mescola i giornalisti Bianca Berlinguer e Lucia Annunziata con gli artisti Vespa e Fazio – prevede il controllo dell’informazione in campagna elettorale di un’unica testata: tocca al Tg1 che l’attuale capo Rai ha gestito per quattro anni e mezzo e continua a seguire con attenzione. Il Parlamento deve scegliere il destino di Porta a Porta e Che tempo che fa e pure in fretta, la par condicio scatta dal 18 gennaio. In Vigilanza la maggioranza dipende dal Pd che, a sua volta, dipende dai resti degli alfaniani: un grumo è volato verso il Nazareno e un altro è rientrato da Silvio Berlusconi.

LA POLEMICA IN COMMISSIONE DI VIGILANZA – Nel dibattito di oggi, i grillini hanno illustrato emendamenti al regolamento che servirebbero per escludere sia Fazio che Vespa. “Eliminare i programmi di infotainment dalla campagna elettorale oppure ricondurre tutti i programmi sotto testata a condizione che il conduttore abbia un contratto da giornalista”, il contenuto delle modifiche richieste dalla relatrice di minoranza del M5s Mirella Liuzzi. Che ha anche ricordato che del tema si è parlato a dicembre, in occasione del parere sul contratto di servizio, e ha chiesto che gli altri partiti si esprimano sul tema. “Non abbiamo mai pensato a una norma ad personam contro Vespa, ma vogliamo che questo sistema cambi”, hanno poi aggiunto i colleghi grillini. La soluzione non è però nemmeno contemplata dal Pd: “Il tema”, ha detto il capogruppo Vinicio Peluffo, “non riguarda la parte della normativa di cui ci stiamo occupando: dovremmo inserire nel regolamento quali programmi vanno ricondotti a testata, ma questo deve farlo l’azienda e non la commissione di Vigilanza Rai”. In difesa dei dem anche Pier Ferdinando Casini: “Non so se la proposta del M5s faccia più ridere o piangere. Se questa è la nuova politica tra un po’ la nostalgia si moltiplicherà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canone Rai, sei motivi per cui pagarlo è giusto

next