È un’osservazione a misura delle allodole, cioè per chi ama svegliarsi presto la mattina quella di domenica 7 gennaio. C’è il primo abbraccio nel cielo del 2018: è quello tra Marte e Giove, che si incontrano all’alba. Il pianeta rosso e il pianeta gigante si troveranno vicinissimi e si potranno osservare a Sud-Est prima del sorgere del Sole. La distanza apparente che li separerà sarà, infatti, pari alla metà del diametro della Luna piena. Il momento migliore per vedere la congiunzione è infatti compreso tra “le 4 e le 7 del mattino” ha spiegato Paolo Volpini, dell’Unione astrofili italiani (Uai). I due pianeti si incontreranno nella costellazione della Bilancia e in prossimità delle stelle Spica (la più luminosa della Vergine) e dell’antagonista di Marte, cioè Antares, che è la stella più luminosa dello Scorpione, chiamata così perché è in competizione con Marte (in greco, Ares) per il colore rosso.

Poco prima del sorgere del Sole, nella stessa regione del cielo, ha rilevato l’astrofilo, si può provare anche a scorgere Mercurio e Saturno, rispettivamente nella costellazione dell’Ofiuco e del Sagittario “ma saranno molto bassi sull’orizzonte e non facili da osservare” soprattutto se sull’orizzonte ci sono ostacoli come le montagne. “Nei prossimi giorni – ha osservato Volpini – in questa regione del cielo ci sarà un’autentica ‘danza’ di astri tutti concentrati al mattino: da non perdere anche la congiunzione tra Luna, Giove e Marte, l’11 gennaio, e quella tra Saturno e Mercurio che incrociano le loro strade la mattina del 13 gennaio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neonati, inventata l’app per misurare dolore e parametri vitali

next
Articolo Successivo

“Squali” a caccia di esopianeti, così aiuteranno i telescopi a osservare sistemi planetari lontanissimi

next