Non c’è più tempo per salvare i coralli. L’avvertimento si ripete da mesi. Si sta chiudendo rapidamente la finestra per salvare le barriere coralline del mondo, colpite dal riscaldamento degli oceani. A lanciare il nuovo allarme è uno studio pubblicato sulla rivista Science da un team internazionale di ricercatori. L’intervallo di tempo che passa tra un episodio di sbiancamento e l’altro, evidenziano gli esperti, “si sta accorciando in modo drammatico, minacciando l’esistenza futura di questi ecosistemi, insieme al sostentamento di molti milioni di persone”.

Il tempo che intercorre tra gli episodi di sbiancamento, osservati in 100 località tropicali, è diminuito di cinque negli ultimi 3-4 decenni, passando da un episodio ogni 25-30 anni nei primi anni Ottanta a una media di uno ogni sei anni dal 2010. Prima degli anni Ottanta, scrivono i ricercatori, lo sbiancamento dei coralli accadeva solo localmente, mentre tra gli anni Ottanta e Novanta si sono registrati episodi di massa collegati a El Niño, il fenomeno naturale ricorrente che riscalda le acque del Pacifico tropicale. Nella fase attuale, invece, lo sbiancamento causato dal cambiamento climatico avviene indipendentemente dalla presenza del Nino. “Prima degli anni Ottanta lo sbiancamento di massa dei coralli era inaudito, anche durante le forti condizioni di El Nino”, spiega il professor Terry Hughes, primo autore dello studio. “Ma ora gli episodi ripetuti su scala regionale e la mortalità di massa dei coralli sono diventati la nuova normalità in tutto il mondo. E le temperature continuano a salire”.

L’articolo su Science

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mano bionica impiantata alla prima italiana: “È come se fosse tornata la mia”

prev
Articolo Successivo

Nasa, il buco dell’ozono si sta riducendo: è il 20% più piccolo rispetto al 2005

next