Smantellata da polizia e carabinieri a Roma una ‘batteria’ di rapinatori specializzata in rapine a guardie giurate e assalti ai portavalori soprannominata “Banda della Golf“. Otto gli arresti eseguiti dalla squadra mobile e dai carabinieri. Si tratta di romani e campani tra i 30 ed i 60 anni, sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla consumazione di rapine, aggravate dall’uso delle armi in danno di portavalori, di porto e detenzione illegale di armi e ricettazione. A quanto ricostruito, ognuno nella banda aveva specifici ruoli. A capo del gruppo, che aveva base logistica nel quartiere di Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma, un campano di 48 anni. Otto le rapine accertate compiute con lo stesso “modus operandi”: i responsabili aggredivano la guardia giurata con al seguito le valigette portavalori minacciandola con armi e disarmandola e dopo aver rubato le cassette blindate con il denaro scappavano con un’auto, spesso rubata, quasi sempre una Volkswagen Golf. I ‘colpi’ sono stati messi a segno tra agosto 2016 e marzo 2017 e hanno fruttato oltre 200mila euro. A febbraio scorso i carabinieri della compagnia di Frascati nel corso di indagini condotte su alcuni membri del gruppo criminale, in seguito a una rapina consumata qualche mese prima in zona Prenestino, scovarono un vero e proprio arsenale della banda a Tor Bella Monaca. Dagli accertamenti tecnici svolti dal RIS dei carabinieri risultò che una pistola sequestrata era stata rubata a una guardia giurata in occasione di una rapina contestata agli arrestati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nascondeva 400mila euro in contanti nel furgone in partenza per il Marocco: arrestato. Le operazioni per recuperare il denaro

prev
Articolo Successivo

Venezia, furto di gioielli da una teca della mostra a Palazzo Ducale. Bottino da quantificare

next