Nonostante dovesse scontare “solo” 19 mesi di carcere e fosse sottoposto “solo” all’obbligo di dimora, dal 2012 si trovava in Germania per sfuggire alla condanna per intestazione fittizia di beni. Il latitante Antonio Strangio di San Luca, conosciuto con i soprannomi “TT” e “u Meccanicu”, è stato arrestato a Moers.

La cattura è avvenuta nei giorni scorsi da parte della polizia tedesca che, su indicazione dei carabinieri, ha scovato il ricercato sul quale da settembre pendeva una richiesta di mandato d’arresto europeo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria. Ritenuto contiguo alla cosca “Pelle-Vanchelli”, Antonio Strangio è stato scovato vicino a Duisburg, teatro della strage di Ferragosto, consumata nel 2007, da cui è scaturita l’indagine nella quale è stato coinvolto per intestazione fittizia.

I carabinieri sono risaliti a “TT” analizzando i contatti che lui ha avuto prima di darsi alla macchia. Gli investigatori, infatti, hanno verificato ogni utenza da lui contattata in passato e ogni domicilio o dimora in cui avesse trovato ospitalità in Italia e all’estero. Tutti gli elementi portavano alla cittadina tedesca di Moers dove, in passato, era stata riscontrata la presenza di numerosi affiliati alla stessa cosca.

Lo stesso Antonio Strangio, cugino di Ciccio Pelle detto “Pakistan” e di Antonio Pelle detto “Vanchelli”, dal 2003 risultava residente nel comune Neukirchen-Vluyn dove lavorava come pizzaiolo. In realtà, stando alla sentenza di condanna, Antonio Strangio era un prestanome della cosca di San Luca. Non è escluso, secondo gli inquirenti, che il latitante si trovasse in Germania già dal 28 dicembre 2012 quando si è sottratto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Prima della strage di Duisburg e nonostante fosse residente in Germania, “u Meccanicu” spesso faceva rientro a San Luca. A riprova della sua vicinanza con gli ambienti ‘ndranghetistici, infatti, nel 2005 è stato controllato in contrada Bosco di Bovalino con Sebastiano Vottari, Francesco Vottari e Francesco Nirta.

Nel settembre del 2009, infine, i carabinieri hanno accertato la presenza di Antonio Strangio anche a Polsi dove, in presenza del capo crimine Domenico Oppedisano, si è tenuto il summit di ‘ndrangheta il giorno della festa della Madonna. Tra qualche settimana, il latitante sarà estradato in Italia dove inizierà a scontare i 19 mesi di carcere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calabria, bruciati gli alberi dell’ex sindaco di Sinopoli: “È l’indimidazione numero 300 ai miei danni. Sconfortato”

prev
Articolo Successivo

Catania, il sexy shop accanto alla lapide che ricorda l’omicidio di Pippo Fava

next