Firmava con il laser il fegato dei suoi pazienti, imprimendo le proprie iniziali durante gli interventi in sala operatoria. A scoprire il chirurgo “Zorro” è stato per caso un collega, quando un ex paziente si è sottoposto ad un altro intervento chirurgico: sull’organo trapiantato c’erano le iniziali SB. Così, Simon Bramhall, specializzato nei trapianti di fegato, è stato sospeso dall’ospedale in cui lavora, il Queen Elizabeth di Birmingham, e sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta. La sentenza di condanna definitiva nei suoi confronti è attesa per il 12 gennaio 2018.

Il chirurgo è stato riconosciuto colpevole per danni e ferite inflitti volontariamente a persone sotto anestesia che non avevano dato il proprio consenso. Bramhall ha subito ammesso il fatto, spiegando di aver utilizzato il gas argon, un laser impiegato normalmente per evitare le emorragie. Nel corso dell’udienza il procuratore Tony Badenoch ha sottolineato che “non si è trattato di un incidente isolato, ma di un atto ripetuto in due occasioni, che richiede concentrazione e competenza e che, per di più, è stato realizzato alla presenza di altri colleghi”. Si tratta, ha evidenziato, “di un caso senza precedenti“. Bramhall ha ottenuto la libertà sotto cauzione, ma gli avvocati dell’accusa sospettano che i casi non siano limitati ai due del 2013 finora scoperti e ammessi dal medico.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kosovo, premier si raddoppia lo stipendio “per comprare vestiti”. Protesta: cravatte davanti alla sede del governo

next
Articolo Successivo

Corea del Nord, Seul: “Uno dei militari disertori ha gli anticorpi all’antrace: esposto al batterio oppure vaccinato”

next