“I candidati alla presidenza della Regione Lazio? Non c’è uno che io tema particolarmente. Circola il nome di Gasparri? Gasparri è Gasparri. Io a volte non lo distinguo neanche dall’imitazione di Neri Marcorè. Questa candidatura si qualificherebbe da sola”. Così ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) Roberta Lombardi, candidata M5S alla presidenza della Regione Lazio, si esprime sui suoi probabili competitor. E si pronuncia anche sul sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, anch’egli candidato: “Per ora so che c’è una specie di autocandidatura. Viene sponsorizzata da Storace, che è uno dei maggiori artefici dell’attuale situazione della sanità laziale. Ma, ripeto, non è una candidatura, è una autocandidatura“. Poi puntualizza: “Da cittadina laziale, temo centrodestra e centrosinistra per la loro assoluta dannosità. Lo abbiamo visto nell’alternanza perfetta delle ultime quattro elezioni. La situazione del governo di questi signori della nostra regione è sotto gli occhi di tutti. Mi fa paura la possibilità che queste persone possano ancora una volta mettere le mani sulla nostra regione”. Lombardi, infine, sottolinea la priorità nel suo programma: “Voglio abbattere le liste d’attesa nella sanità. Bisogna prendere subito provvedimenti e andare a regime entro un anno. Le liste sono una piaga e incidono anche sui tempi d’attesa nel pronto soccorso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega, Fava: “Berlusconi-Salvini? Vista la legge elettorale alla fine troveranno un accordo”

prev
Articolo Successivo

Boschi, Gotor e D’Attorre: “Dimissioni? Un bene per il centrosinistra. Ma è imbullonata alla poltrona”

next