“La ricerca pubblica è appesa un filo”. Per questo oggi un gruppo di ricercatori del Cnr si sono calati dal tetto della sede di piazzale Aldo Moro a Roma, restando appesi a settanta metri dal suolo. “Dopo un mese di occupazione delle sede centrale e di altre sedici sedi in tutta Italia, siamo arrivati a questo gesto, perché la nostra protesta a favore della stabilizzazione, prevista dal decreto Madia, non ha mai avuto luogo” denunciano i ricercatori.

Poi una rappresentanza di questi si è spostata all’Hotel Quirinale, dove si stanno svolgendo i tavoli tematici per il programma di Liberi e Uguali e i ricercatori hanno incontrato Pietro Grasso a cui hanno espresso forti preoccupazioni perché “nella legge di bilancio in discussione in queste ore il finanziamento per la ricerca e per la stabilizzazione è totalmente insufficiente. I fondi infatti – spiegano i ricercatori a Grasso – coprirebbero solo 200 persone su quasi 10000 aventi diritto”. “Per me il lavoro di ricerca precario non dovrebbe esistere. Il lavoro di ricerca è quello che darà insieme all’innovazione, futuro al nostro Paese. Questo forse non si è ancora ben compreso, ma noi cercheremo di farlo comprendere”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ricerca, la rabbia dei precari in presidio a Montecitorio: “Ho 41 anni, vorrei che il mio Paese mi desse il giusto riconoscimento”

prev
Articolo Successivo

Ryanair, perché i trucchetti di O’Leary non bastano più

next