Una insegnante di Taranto, di 50 anni, in servizio nella scuola materna XXV Luglio in via Pitagora, è stata arrestata oggi pomeriggio da agenti della Squadra Mobile della Questura con l’accusa di maltrattamenti ai danni dei propri alunni, tutti bimbi intorno ai 3 anni. L’indagine, partita dalle denunce presentate da alcuni genitori e coordinata dalla Procura della Repubblica, ha utilizzato intercettazioni audio e filmati effettuati nei locali della scuola. Lo stesso dirigente scolastico aveva fatto una segnalazione. L’osservazione delle immagini videoregistrate e l’ascolto audio, in un periodo di circa 40 giorni, hanno consentito di accertare ripetute condotte violente (spinte, schiaffi, strattoni, urla) tenute dalla maestra. La donna avrebbe denotato incapacità nel gestire i piccoli alunni durante l’orario scolastico e assenza totale di un metodo educativo, mancanze cui la stessa avrebbe tentato di sopperire con aggressività e violenza, sia fisica che psicologica. Alcuni episodi di violenza erano stati segnalati dalle sue stesse colleghe e portate a conoscenza dell’autorità inquirente dal dirigente scolastico