“L’impegno del governo nel rafforzamento delle politiche di rimpatri, si è concretizzato anche sul piano normativo con l’ultimo provvedimento che ha portato alla creazione dei centri permanenza per i rimpatri, allo scopo rendere più efficaci i provvedimenti di espulsione”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, rispondendo al Question time alla Camera. “A oggi sono operativi 5 centri di per i rimpatri, a fine anno ne sarà aperto un altro e sono già state individuate le aree per altri 5 in altrettanti Regioni. Dal primo gennaio al 5 novembre sono stati individuati più di 39mila irregolari, con un incremento del 15% rispetto allo scorso anno, più di 4 mila sono stati allontanati dal territorio nazionale, con un incremento dei rimpatri pari al 15,4% rispetto alla stessa data dello scorso anno e 93 provvedimenti di espulsione, con un incremento del 40%”, ha aggiunto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centrosinistra, la missione diplomatica di Fassino: vede Grasso e Boldrini e chiede aiuto a Prodi. Ma D’Alema gli dice già no

next
Articolo Successivo

Sono salito su Destinazione Italia a Ferrara, ora so com’è Renzi a prova di vagone (e di Azzerati Carife)

next