“L’impegno del governo nel rafforzamento delle politiche di rimpatri, si è concretizzato anche sul piano normativo con l’ultimo provvedimento che ha portato alla creazione dei centri permanenza per i rimpatri, allo scopo rendere più efficaci i provvedimenti di espulsione”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, rispondendo al Question time alla Camera. “A oggi sono operativi 5 centri di per i rimpatri, a fine anno ne sarà aperto un altro e sono già state individuate le aree per altri 5 in altrettanti Regioni. Dal primo gennaio al 5 novembre sono stati individuati più di 39mila irregolari, con un incremento del 15% rispetto allo scorso anno, più di 4 mila sono stati allontanati dal territorio nazionale, con un incremento dei rimpatri pari al 15,4% rispetto alla stessa data dello scorso anno e 93 provvedimenti di espulsione, con un incremento del 40%”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centrosinistra, la missione diplomatica di Fassino: vede Grasso e Boldrini e chiede aiuto a Prodi. Ma D’Alema gli dice già no

next
Articolo Successivo

Sono salito su Destinazione Italia a Ferrara, ora so com’è Renzi a prova di vagone (e di Azzerati Carife)

next