A quasi cinque mesi dalla condanna definitiva a 16 anni per l’omicidio di Chiara Poggi, Alberto Stasi parla pubblicamente per la prima volta in un’aula di giustizia. Lo ha fatto a Milano come parte offesa in un processo a carico di Maria Grazia Montanti, “una persona – dice lui – che aveva un’ossessione nei miei confronti” accusata di diffamazione e minacce aggravate pubblicate su una pagina Facebook Delitto Garlasco: giustizia per Chiara Poggi di cui lei era una delle amministratrici.

Durante la sua deposizione in aula Stasi ha raccontato di essersi accorto della pagina ‘incriminata’ nel dicembre 2011. Ha spiegato che gli iscritti al gruppo avevano postato non solo “che io avevo il codice dell’allarme della casa dei Poggi” e altre frasi inerenti al processo per l’omicidio, “ma anche inerenti alla mia vita personale, che facevo festini a sfondo omosessuale e gay“. E poi insulti come “bastardo” e “accuse come corruzione di periti e giudici e di vendita di organi umani“. Inoltre c’erano frasi di minacce come “Stasi sei finito, la pagherai, non basteranno i proiettili a fermare la parola divina”.

L’ex bocconiano ha raccontato di essere stato pedinato e fotografato dalla donna imputata mentre era nella sua auto in un parcheggio a Milano. “Se si leggono le centinaia di messaggi pubblicati si comprende l’ossessione di questa persona nei miei confronti“. Stasi al processo, che riprenderà il prossimo 14 febbraio, ha affermato che la vicenda ha avuto un “impatto emotivo” su di lui e sulle persone che gli sono vicine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte, le firme false per Sergio Chiamparino alle regionali erano “solo” 14: e i consiglieri del Pd si salvano

next
Articolo Successivo

Sicilia, indagine per peculato sull’ente gestito dal consigliere appena eletto dalla Lega: “Ma non sono più il presidente”

next