Milleduecento dinari libici, 800 dollari, per comprare un 20enne nigeriano durante un’asta di essere umani. Accade a Tripoli, in Libia, dove secondo un video pubblicato dalla Cnn un gruppo di persone all’apparenza di origine subsahariana è finito in vendita. Un gruppo di “ragazzoni forti adatti al lavoro nei campi“, secondo il battitore che resta fuoricampo.

Dopo aver visionato il filmato, si legge nell’articolo, la Cnn si è messa al lavoro per verificarne l’autenticità e ha inviato una troupe in Libia. “Con una telecamera nascosta, il mese scorso siamo entrati in una proprietà alla periferia di Tripoli e abbiamo visto a una dozzina di persone andare sotto il martello (under the hammer, in inglese) nello spazio di sei o sette minuti”.

“A nessuno serve uno scavatore? Eccone uno, è un omone forte”, scandiva l’uomo che batteva l’asta vestito in uniforme militare. I compratori alzavano la mano per fare la loro offerta e in pochi minuti, prosegue l’articolo della Cnn, era tutto finito: “Gli uomini comprati, rassegnati al loro destino, vengono consegnati ai loro nuovi padroni“.

La Cnn inquadra il video e l’asta di esseri umani nel contesto dei flussi migratori provenienti dai Paesi subsahariani, sottolinenando come ogni anno decine di migliaia di persone attraversino i confini libici: “Si tratta di profughi in fuga dai conflitti o migranti economici in cerca di migliori opportunità in Europa. Molti hanno venduto tutti i lori averi per finanziarsi il viaggio fino alla costa e imbarcarsi nel Mediterraneo”.

“Ma una recente stretta imposta dalla Guardia costiera libica – scrivono i giornalisti della Cnn, nel giorno in cui l’Onu punta il dito contro il patto stretto dall’Italia per conto dell’Ue per ridurre i flussi migratori – ha comportato una carenza di barche che prendono il mare, lasciando i trafficanti di uomini con un accumulo di aspiranti passeggeri tra le mani. Così i trafficanti diventano schiavisti e i migranti diventano schiavi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monaco, due italiani tentano di dar fuoco a un senzatetto e si scattano un selfie: arrestati. “Lo abbiamo fatto per gioco”

next
Articolo Successivo

Russiagate, messaggi tra Wikileaks e Trump jr in campagna elettorale. E il tycoon twittò su Podesta 15 minuti dopo la richiesta di Assange

next