È stata insultata e presa a calci sull’autobus, perché di colore. A 15 anni, da un uomo di 60. È quanto denuncia una ragazza, una promessa del basket italiano, che vive e gioca a Torino. La piccola cestista, papà africano e mamma italiana, ha raccontato ai carabinieri – secondo quanto scrive La Stampa – di aver subito l’aggressione “appena salita sull’autobus” che prende ogni mattina per andare a scuola “senza nessun motivo”: “Un uomo sui sessant’anni mi ha sferrato un forte calcio al ginocchio sinistro”.

“Mi sono spostata, ho tentato di far finta di nulla, ma quell’uomo continuava a fissarmi – ha denunciato – Mi ha detto: ‘È inutile che tu vada a scuola, tanto finirai sulla strada. Torna al tuo Paese…'”. Le frasi sarebbero state condite da parole razziste, insulti e offese. Intorno nessuno è intervenuto. La ragazzina è arrivata a scuola in lacrime, ha telefonato alla madre e ha deciso di denunciare ai carabinieri, sostenuta dal presidente del club di pallacanestro per il quale gioca.

L’uomo ha spiegato al quotidiano torinese: “Denunciare era doveroso. Quell’uomo ha usato espressioni come “negra di…” e termini con cui si indicano in maniera dispregiativa le donne che si prostituiscono”. Il presidente è stato allertato dalla madre della ragazza che ha raccontato: “Sono andata in bagno e ho chiamato mia mamma. Ieri c’era sciopero e molti professori non c’erano: ne ho parlato con i miei compagni, sono stati affettuosi. Una mia compagna, mulatta come me, mi ha raccontato che non le è mai capitato nulla di così violento, ma si è accorta che in pullman ci sono persone che allontanano le borsette quando lei si avvicina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peccato originale, nell’ultimo libro di Nuzzi il racconto degli abusi sui chierichetti

next
Articolo Successivo

Belluno, “paziente morto per scambio provette in ospedale”. A processo per omicidio colposo quattro medici

next