“L’opinione pubblica adesso è ben informata, ma è l’inerzia del Parlamento che ci preoccupa”. Lo dice Beppino Englaro a margine dell’incontro “Le scelte di fine vita nella legislazione italiana” organizzato a Milano dall’associazione Luca Coscioni. A più di otto anni dalla morte di Eluana Englaro in Italia non è stata ancora approvata una legge sul testamento biologico, nonostante la sensibilità della società si sia trasformata: “Io (nel 2009, ndr) ho trovato il deserto anche dentro l’opinione pubblica riguardo alla libertà e al diritto fondamentale di Eluana di autodeterminarsi”, dice Englaro. Lo stallo della politica viene sottolineato anche da Mina Welby, moglie di Piergiorgio Welby e co-presidene dell’associazione Luca Coscioni: “Le singole persone che stanno dentro al parlamento, non tutte ma molte, non riescono a mettersi nella condizione di pensare alle sofferenze delle persone che chiedono di poter scegliere per se stessi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biotestamento, l’imbarazzo delle onorevoli in maggioranza. De Biasi (Pd): “Ddl fermo? Dite pure che facciamo schifo, ma sono leggi combattute”

next
Articolo Successivo

Centro non vedenti Brescia contro la Regione Lombardia: “Tagli ai fondi, nuova gestione mette a rischio l’eccellenza”

next