Per la prima volta in Italia un’amministrazione comunale ha intitolato una via cittadina alla memoria di un proprio cittadino ucciso dalla ‘ndrangheta poiché ritenuto omosessuale. La cerimonia di intitolazione si è svolta stamani a Gioia Tauro (Reggio Calabria).

Anche grazie ad una petizione del massmediologo Klaus Davi, la commissione straordinaria antimafia che gestisce il comune dopo lo scioglimento ha deciso di intitolare una strada a Ferdinando Caristena, un giovane commerciante, titolare di più negozi d’abbigliamento, ucciso da due killer 27 anni fa, il 18 maggio del 1990. Un segnale importante che fa memoria di una vittima di mafia e pone fine ai falsi miti generati dalla ‘ndrangheta.

Dopo l’appello di Davi, fu l’ex sindaco Giuseppe Pedà ad accogliere l’invito e ad annunciare la disponibilità ad intitolare una strada a Caristena in nome “della memoria di tutte le vittime innocenti, cadute a causa della violenza mafiosa affinché il ricordo dei tragici fatti che hanno caratterizzato il nostro passato – scrisse Pedà – impedisca il ripetersi di simili eventi in futuro”. Caristena, secondo quanto dichiararono alcuni pentiti, venne ucciso da un commando composto da due persone che lo punirono in questo modo per aver avuto una relazione con un appartenente ad una famiglia in procinto di imparentarsi con i potenti Molè di Gioia Tauro. Caristena in tal modo avrebbe minato l’onore e la rispettabilità della potente ‘ndrina gioiese e tale affronto non poteva restare impunito. Caristena avrebbe poi intrecciato una relazione con la sorella dell’uomo. La versione raccontata dai pentiti tra cui Vincenzo Scriva e Annunziato raso è stata spesso contestata dalla famiglia della vittima. Alla manifestazione di stamani erano presenti il Prefetto Michele Di Bari e il Questore Raffaele Grassi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adozioni di bambini disabili, non basta la disponibilità. Poche famiglie idonee e scarso supporto dallo Stato nel post

prev
Articolo Successivo

Bahrein, la monarchia condanna i familiari di un attivista in esilio. Così segna il suo punto più basso

next