Ansia, caduta dell’autostima, incapacità di motivarsi, fino ad arrivare alle forme depressive e allo scoraggiamento di chi mette i remi in barca e non ha più l’energia per darsi una possibilità. È in questa spirale che rischia di cadere chi perde il lavoro, soprattutto chi resta senza occupazione per molto tempo. Per offrire un aiuto concreto ai disoccupati di lunga data a Bologna, a maggio dello scorso anno, è nato Pad, Progetto assistenza disoccupazione: per un anno un’équipe mista di psicologi, antropologi e accademici ha seguito attraverso colloqui individuali e di gruppo venti persone (dieci uomini e dieci donne, tra i 37 e i 60 anni) offrendo gratuitamente sostegno psicologico. Obiettivo, aiutare chi ha perso il lavoro e lo cerca invano da più di dodici mesi a “riattivarsi” e a progettare il proprio futuro: una condizione che in Italia accomuna 1,701 milioni di persone (dati Istat aggiornati a giugno 2017); a Bologna i disoccupati di lungo periodo sono 23mila. “L’assenza del lavoro non è più un caso accidentale nella vita di una persona ma un’eventualità sempre più incombente ed ansiogena, un fenomeno sociale”, ha spiegato Anna Russo, psicologa e coordinatrice dell’esperimento pilota che ha coinvolto Auser, Nidil (il sindacato Cgil che si occupa dei lavoratori in somministrazione e atipici), gli psicologi e psicoterapeuti dell’associazione “Includendo” e alcuni ricercatori dell’Università di Bologna. “Ci siamo resi conto che negli studi privati o negli sportelli di ascolto pubblici cominciavano ad affluire persone che non avevano problemi di tipo psichiatrico ma che a causa di questa nuova dimensione manifestavano sintomi di disagio psicologico”. “Dai questionari che abbiamo somministrato al gruppo è emerso che quindici persone su venti presentavano disturbi dell’umore, apatia, mancanza di autostima o di competenza sociale”, precisa dopo un anno di ricerca Michele Piattella, psicologo del lavoro. “In cinque casi risultava compromessa la resilienza, la capacità di reattività e di adattamento alla nuova condizione di stress, mentre la disoccupazione peggiora il clima familiare nella metà dei casi”. Sebbene i dati non abbiano valenza statistica “possiamo ipotizzare che più si allungano i tempi di disoccupazione, più pesantemente l’assenza di lavoro si ripercuote sull’individuo e nei rapporti con gli altri”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero dei trasporti venerdì 27 ottobre: a rischio bus e metropolitane, Trenitalia garantisce la regolarità delle Frecce

prev
Articolo Successivo

Lavoro, Istat: “6 giovani disoccupati su 10 non sono disposti a trasferirsi. 4 su 10 trovano posto grazie a raccomandazioni”

next