È iniziato lo sciopero dei i lavoratori delle aziende di trasporto. Sono a rischio aerei, treni, navi e trasporto pubblico locale, soprattutto in mattinata. Hanno aderito all’astensione dal lavoro i sindacati Cub, Sgb, Usi-Cobas, Usi-Ait e Slai Cobas, per protestare contro privatizzazioni e liberalizzazioni del settore. L’agitazione durerà 4 ore.

Gli orari dello sciopero dei mezzi pubblici
Varieranno di città in città gli orari di astensione dal lavoro dei dipendenti delle società di trasporto pubblico locale. A Roma, i mezzi Atac potrebbero subire ritardi dalle 9 alle 13. A Milano, invece, lo sciopero dei dipendenti Atm potrebbe causare disagi sulle linee di bus, tram e metropolitana tra le 9 e le 13. Mentre a Torino l’agitazione dei lavoratori della Gtt è prevista dalle 15 alle 19 per i mezzi urbani e suburbani e dalle 16 alle 20 per la linea della metropolitana. I collegamenti extraurbani torinesi si fermeranno invece dalle 10.30 alle 14.30. Dalle 18 al termine del servizio, stop alle le linee di servizio ferroviario Pont-Rivarolo-Chieri e Torino-Aeroporto-Ceres.

Gli orari dello sciopero dei treni, aerei e navi
Le Frecce di Trenitalia, come comunicato dall’azienda, non subiranno ritardi o cancellazioni. Le ripercussioni sulle altre tratte saranno “molto limitate” dalle 9 alle 13. Trenord ha invece garantito le fasce orarie più “calde” per i pendolari. Si ferma anche il personale di Italo, dalle 9 alle 13. A rischio anche il trasporto aereo dalle 10 alle 14 e quello marittimo dalle 9 alle 13.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, vescovi al governo: “Sui giovani politica miope, basta chiacchiere”. De Vincenti: “No, provvedimenti concreti”

prev
Articolo Successivo

Disoccupazione, se diventa male psichico: “Ecco come sono cambiato”. Quasi 2 milioni i senza lavoro di lunga data

next