C’era chi andava al mercato a fare la spesa, chi al supermercato. C’era chi frequentava i bar o i circoli ricreativi. Chi ci teneva alla forma fisica, praticando mezz’oretta di “running” giornaliero (all’interno di un chiostro di un edificio comunale) e chi, invece, era particolarmente attento ai rapporti umani partecipando ai funerali delle persone care. Ma c’era anche chi, semplicemente, leggeva il giornale in auto. Il tutto rigorosamente in orario di lavoro. L’operazione “Ubiquitas” è scattata stamattina all’alba quando, su richiesta della Procura di Reggio Calabria, i carabinieri e il personale della polizia municipale hanno arresto sette dipendenti del Comune di Melito Porto Salvo. Nei loro confronti, il gip ha disposto gli arresti domiciliari per truffa aggravata ai danni del Comune e falsa attestazione della presenza in ufficio. In sostanza alcuni dipendenti degli uffici “Anagrafe”, “Opere pubbliche e manutenzione”, un messo comunale e un dirigente pro-tempore della “Suap” si allontanavano dal luogo di lavoro senza timbrare il badge che veniva scambiato tra i vari impiegati.
Le indagini riguardano fatti che risalgono al marzo e aprile del 2016 quando, visto l’approssimarsi delle consultazioni referendarie che si sarebbero poi svolte il successivo 17 Aprile, vennero stanziate alcune somme di denaro che sarebbero dovute servire, ai competenti uffici comunali, proprio per far fronte ai pagamenti del cosiddetto “straordinario elettorale”. Ai domiciliari sono finiti: Francesco Albano, Giovanni e Giuseppe Attinà, Antonino Gatto, Vincenzo Manti, Giuseppe Marino e Francesco Praticò. Tutti, adesso, aspettano di essere interrogati dal gip che sta valutando, inoltre, alcune misure interdittive nei confronti di altri indagati dell’inchiesta “Ubiquitas”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, pescavano i soldi delle offerte dalle cassette della chiesa: arrestati ladri seriali. Incastrati dal video

prev
Articolo Successivo

Cesare Battisti: “Il figlio di Torregiani sa che sono innocente”. Lui risponde: “Racconta solo balle”

next