“Penso che ci sia stata una pagina in Italia, quella degli anni Settanta, che l’Italia non è mai riuscita a chiudere civilmente e che ci sono questi strascichi. Io credo che continuare su questo piano sia insensato. Non penso sia una priorità chiedere che Cesare Battisti venga estradato”. Sono le parole di Paolo Ferrero alla trasmissione Siamo Italiani.  Intervistato da Roberto Poletti sul caso dell’ex terrorista, l’ex segretario di Prc ed ex Ministro ha risposto: “Il Brasile ha deciso così e io ritengo che la legislazione che c’è stata in Italia negli anni Settanta abbia prodotto dei disastri per cui sarebbe meglio tirare una riga”. Infine alla domanda: “Lo lasciamo là?” La risposta di Ferrero è stata: “Sì”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Sicilia, Musumeci scopre di avere un (altro) condannato nelle sue liste. E Berlusconi rinvia ancora il suo arrivo

prev
Articolo Successivo

Lazio, il manifesto politico di Pirozzi: “Ius soli? Anacronistico”. Da destra lo corteggiano ma lui non scioglie la riserva

next