Sergio Pirozzi scende in campo. Il sindaco di Amatrice si candiderà come presidente della regione Lazio e sfiderà il presidente uscente Nicola Zingaretti (Pd) e Roberta Lombardi (M5S). La candidatura di Pirozzi era stata già anticipata da ilfattoquotidiano.it lo scorso luglio ed è stata confermata il 19 ottobre dall’edizione online del Messaggero. Il sindaco presenterà una lista civica di centrodestra col suo nome e l’annuncio dovrebbe arrivare il prossimo 24 ottobre durante la presentazione del suo libro, “La scossa dello scarpone“. “Vi aspetto, ci potrebbero essere novità – ha scritto sul proprio profilo facebook Pirozzi – Si parlerà di battaglie, solidarietà, di storie e sapori di un’altra vita”. Ma soprattutto “di una visione dell’Italia diversa”.

Una candidatura battezzata anche dal vicepresidente della Regione Francesco Storace: “Non è un mio candidato, ma certo sarei un suo felicissimo elettore“. Nei mesi scorsi Pirozzi aveva sembra glissato su una sua possibile candidatura a governatore della regione: “Meglio presidente del Consiglio, ma mai dire mai…”, aveva dichiarato a Roma durante Atreju, la manifestazione promossa da Fratelli d’Italia. E proprio la leader del partito Giorgia Meloni si era espressa in merito alla candidatura di Pirozzi: “Non abbiamo ancora cominciato a parlare delle regionali”. Poi aveva però aggiunto che “Pirozzi è iscritto alla nostra assemblea di Fratelli d’Italia”, aprendo uno spiraglio al sindaco di Amatrice.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fusaro: “Di Pietro dietro le quinte ha avuto un malore ed è crollato a terra dopo la nostra discussione”

next
Articolo Successivo

Bankitalia, chat tra Finocchiaro e dem per modificare il testo della mozione. Che il premier non aveva fino a tre ore prima

next