“Un testo poco ambizioso ed è una riforma in peggio rispetto alla situazione attuale, nonostante i proclami di questi giorni. Si introducono delle procedure filtro a carico dei Paesi di ingresso che mirano a verificare se il migrante arrivato sia una persona potenzialmente pericolosa o un migrante economico. Se così sarà, resterà nel Paese di primo ingresso. Poi, si introduce la responsabilità permanente del Paese di primo ingresso e un periodo di transizione di tre anni per i Paesi più refrattari all’accoglienza. Inoltre, per quanto riguarda i rimpatri il problema non è quello economico, ma l’assenza degli accordi bilaterali con i Paesi di origine”. Così Laura Ferrara, eurodeputata del Movimento 5 Stelle, subito dopo il voto sulla riforma del Regolamento di Dublino, approvata dalla commissione Libertà Civili del Parlamento Europeo. E sul paragone tra M5S e Lega Nord dice: “Siamo distanti luce. Salvini parla di ruspa e punta a fomentare l’odio, noi pensiamo che i diritti fondamentali siano di tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum autonomia, dal Viminale il conto a Lombardia e Veneto: “5 milioni per l’ordine pubblico”. Zaia: “Colpi bassi”

next
Articolo Successivo

Cannabis, l’ex relatore Farina (SI): “Occasione persa. Ora Senato approvi almeno uso terapeutico”

next